Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Mar 25, 2019 Last Updated 10:18 AM, Mar 23, 2019

Vellutata di peperoni rossi e patate con polpettine di riso selvatico

Vellutata di peperoni rossi e patate con polpettine di riso selvatico Copyright © Giuseppe Capano
Pubblicato in Minestre e Zuppe
Letto 2729 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 g di riso selvaggio canadese,
  • 1,2 l di brodo vegetale,
  • 2-3 cucchiai di formaggio grattugiato,
  • 2-3 peperoni rossi,
  • 3 patate medie a pasta bianca,
  • 2 cipolle rosse,
  • spicchi d'aglio,
  • olio extra vergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Sciacquare con cura il riso e metterlo a bagno per 12 ore circa in acqua fredda, quindi scolarlo, trasferirlo in una casseruola e lessarlo con 200 ml di brodo vegetale lasciandolo assorbire del tutto (circa 20 minuti), frullarlo ancora caldo con poco olio riducendolo in un massa granulosa da aromatizzare con il formaggio grattugiato e se serve un pizzico di sale.
  2. Pulire i peperoni rossi, tagliarli in piccoli pezzi, sbucciare le patate e tagliarle a spicchi, sbucciare le cipolle rosse e affettarle grosse.
  3. Rosolare dapprima le cipolle con 2-3 cucchiai d'olio per meno di 5 minuti, aggiungere i peperoni e le patate e continuare la cottura per altri 5 minuti.
  4. Versare il restante brodo e lasciare sul fuoco per 20 minuti, quindi frullare fino a ottenere una crema vellutata da regolare di sale.
  5. Con le mani bagnate formare con il riso selvatico delle piccole polpettine da rosolare in una padella antiaderente con poco olio fino a dorarle bene, usarle per accompagnare la crema decorando a piacere.
Altro in questa categoria: Crema di peperoni verdi e zucchine »