Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa questa pagina

Piante medicinali e reumatismi

Pubblicato in Reumatismi
Letto 3616 volte
Vota questo articolo
(11 Voti)
Etichettato sotto

L'aiuto possibile di quattro piante dal potere antinfiammatorio. 

Sono diversi i vegetali naturali che possono contribuire ad alleviare le tante problematiche che colpiscono chi soffre di malattie reumatiche, come artrosi e artrite reumatoide.
Un contributo che può diventare anche piacevole se veicolato tramite la buona tavola e la corretta alimentazione in un equilibrio tra salute, sapore e prevenzione.

In una non recente ricerca pubblicata sulla rivista specializzata Evidence Based Complementary and Alternative Medicine e portata avanti da studiosi della Case Western Reserve University di Cleveland si è puntata l'attenzione su 4 specifici elementi vegetali che spesso possono (e devono, a parte le dovute eccezioni!) rientrare nel regime alimentare quotidiano.
Tè verde (Camellia sinensis), zenzero (Zingiber officinale), curcuma (Curcuma longa) e uncaria (Uncaria tomentosa) sono il poker analizzato, tutti con interessanti aspetti e effetti concreti sulle infiammazioni, anche se è sempre bene precisare l'attenzione massima che si deve avere rispetto all'interazione con i farmaci e la terapia specifica seguita da ogni paziente.

Vediamo come le singole piante contribuiscono ad alleviare dolori e complicanze reumatiche:

  1. il tè verde è forse una delle piante più studiate in assoluto con tutta una serie di prerogative positive utili per molte patologie, anche se su questa pianta come non mai ultimamente si è posto l'allarme rispetto alle possibili interferenze con le terapie farmacologiche. Del tè sono accertate per quanto riguarda la patologia reumatica le notevoli proprietà antinfiammatorie e gli effetti protettivi sulla cartilagine;
  2. anche per lo zenzero sono messe in evidenza le forti capacità antinfiammatorie oltre a quelle più note come l'aiuto nei casi di disturbi digestivi, gonfiori addominali, cefalee e nausea, l'aspetto intrigante è che lo zenzero si riesce a introdurre con grande vantaggio gustativo in moltissimi piatti comuni;
  3. la curcuma è una spezia dalle fortissime proprietà e se ne consiglia già l'uso come prevenzione di molte patologie tumorali, la curcumina è il suo segreto intimo, una sostanza che ha spiccate attività antinfiammatorie e antiossidanti molto utili in caso di artrosi e artrite reumatoide. Come lo zenzero le sue applicazioni in cucina sono infinite e estremamente interessanti;
  4. l'uncaria, liana amazzonica ben nota nella medicina popolare peruviana per il contrasto a diverse malattie delle vie respiratorie, esula un po' dagli usi tipici di cucina, di contro sembrerebbe avere un'ottima azione nelle malattie reumatiche grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e immunomodulanti.

Lo studio citato metteva in evidenza in particolare queste quattro piante, ma diverse altre (su tutte l'artiglio del diavolo) possono aiutare chi soffre di problemi reumatici, l'importante è non improvvisare decidendo da se dosaggi eccessivi di queste buoni vegetali senza un riguardo alla propria situazione personale e all'eventuale terapia seguita.

Ecco una ricetta per dimostrare come usare zenzero e curcuma piacevolmente e con gusto!