Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Sep 24, 2019 Last Updated 1:08 PM, Sep 22, 2019

Vista, salute e qualità nutrizionale preventiva degli alimenti.   

Tutto è collegato con l'alimentazione e la cucina dovrebbe essere il cavaliere che porta l'esercito degli alimenti a difendere e proteggere l'uomo inteso in senso lato, forse meglio dire l'umanità sociale del mondo.
Questo purtroppo non è vero o è vero solo in parte, la cucina spesso preferisce giocare solo sulle apparenze e dedicarsi solo a un presunto lato artistico che non si può negare gli appartenga per alcuni versi, ma è però solo una componente.

Riteniamo la meno importante benché oggi imperi in ogni luogo, bello sarebbe invece che la cucina fosse soprattutto più cultura sociale e della nutrizione corretta strenua paladina.

In ogni caso tutto è collegato all'alimentazione, anche la salute degli occhi malgrado risulti difficile istintivamente trovare un collegamento.

E questo libro pur parlando degli occhi è un ottimo testo che aiuta a sensibilizzare sul ruolo importante dell'alimentazione e degli stili di vita più corretti.
Gli elementi che dovrebbe essere le vere e uniche medicine da prendere fin dalla nascita come terapia preventiva!

Un libro molto interessante, intanto per conoscere tutto ciò che ruota intorno agli occhi, capirne le caratteristiche, le diramazioni, l'importanza estrema rispetto alla salute complessiva.
Poi per riflettere con cognizione di causa sui possibili danni che con le nostre scelte possiamo portare agli occhi, quali elementi temere e quali invece prediligere, quale la differenza tra infiammazione oculare e congiuntivite, quanto importante sia la regolazione idrica e cosa sia esattamente il glaucoma.

E ancora cosa porta alla cataratta in una situazione di perdita di trasparenza del cristallino, come colpiscono le maculopatie nell'anziano, il grande dramma dell'ipovisione, i consigli pratici e elementari per alleviare le situazioni più comuni come la miopia e l'astigmatismo.
Ritornando infine al punto di partenza dell'alimentazione ribadito nell'appendice delle ultime pagine del libro di cui riporto uno stralcio molto chiaro:


".........la salute degli occhi passa anche dalla strada di una buona alimentazione,...........non è difficile spiegarlo: l'organo della vista..............è espressione di diverse correlazioni fra cui quella più nota è con l'apparato digerente e il sistema di filtrazione epatobiliare.........non deve stupire se molti oculisti, per impostare alcune terapie.........pensino anche alla disintossicazione e al ripristino della flora intestinale mediante.................consigli a livello di dieta e di idratazione corporea".

E oltre ai più noti cibi protettivi l'organo della vista come i preziosissimi mirtilli e le classiche carote capostipiti di tutti gli alimenti ricchi di betacarotene imparerete, leggendo questo libro, la grande importanza della Luteina piuttosto che del Glutatione, il più importante e potente antiossidante prodotto dal nostro organismo, ma che allo stesso tempo si può ritrovare in alcuni alimenti vegetali come avocado, cocomeri o asparagi.

Un nesso quindi diretto con ciò che mangiamo e in quale quantità rispetto alla sua qualità nutrizionale e preventiva, specificatamente per la salute degli occhi e in generale per tutte le funzione organiche dell'organismo.
 

Di seguito la presentazione ufficiale.

La medicina tradizionale nel corso dei secoli e della storia è stata sicuramente il fulcro della maggior parte del ragionamento clinico e diagnostico in campo scientifico e sanitario, tuttavia esistono sostanze e preparati complementari, omeopatici, fitoterapici, naturali ecc. che svolgono delle azioni molto similari a quelle dei farmaci più tradizionali oppure che possono contribuire a un maggiore effetto di disponibilità di alcune sostanze farmacologiche e di farmaci nei confronti dell'organismo.
Alcune di queste sostanze fanno parte di un bagaglio culturale medico molto antico, conservato per anni e tramandato nel corso dei secoli.
Questo libro ha lo scopo di portare alla conoscenza dei lettori il mondo dell'omeopatia abbinato a quello dell'oculistica al fine di considerare una serie di prodotti e di sostanze con proprietà medicamentose e curative che potrebbero risultare utili come scelta o semplicemente come "potenziamento" nelle impostazioni terapeutiche delle principali affezioni a carico del prezioso organo della vista.

 

Per l'acquisto e approfondimenti:

http://www.tecnichenuove.com/il-benessere-per-i-nostri-occhi.html

I due cervelli strettamente collegati con l'alimentazione.  

Abbiamo letto con molto piacere questo libro nella sua seconda edizione aggiornata e amplificata con nuovi studi e considerazioni generali oltre all'aggiunta di nuove sezioni interessanti.

L'ampliamento ha riguardato i campi della fisiologia, delle patologie e dei relativi trattamenti su base naturale in un contesto in cui le più recenti ricerche hanno dimostrato e ribadito il collegamento funzionale tra l'intestino, il secondo cervello e il microbiota.

Un collegamento che può spiegare spesso le problematiche che ruotano intorno a patologie comunemente legate all'alimentazione (artrite, reumatismi, tumori, malattie infiammatorie, problemi ginecologici e dermatologici e così via), ma anche a disordini psichiatrici come la schizofrenia.

La presenza di una sorta di seconda cervello residente nell'intestino non è più un ipotesi o azzardata teoria, molti sono gli studi che hanno messo in evidenza una sorta di compresenza tra l'attività cerebrale e quella metabolico intestinale.

Entrambe si influenzano a vicenda e determinano lo stato di salute complessivo dell'organismo la cui qualità e tutela dipende da questo rapporto stretto anche quando si affrontano problematiche che in apparenza riguardano solo la mente come il libro dimostra ampiamente.

Nei vari capitoli si esamina la fisionomia e le caratteristiche del secondo cervello, le sue influenze chiare e precise sul primo, l'articolato processo digestivo con tutte le sue molteplici relazioni e le difese dell'organismo che questo processo può instaurare o meno a seconda di quanto viene assecondato con una buona alimentazione.

Che non è l'unico elemento a cui prestare attenzione perché molta parte dello stress che viviamo dipende da fattori esterni e per questo motivo sono necessarie tecniche parallele di rilassamento, meditazione e calma interiore di cui si occupa ampiamente il libro.

Senza dimenticare l'aiuto grande che medicine complementari e importanti come la fitoterapia possono portare per un benessere complessivo dell'organismo.

Di questo e molto altro si parla in questo volume che ci sentiamo di consigliare a tutti quelli che vogliono approfondire le tematiche del benessere andando al di la della semplice equazione cibo buono salute buona.

Di seguito vi lasciamo la presentazione ufficiale del libro.

È ormai assodato che le relazioni tra la porzione del sistema nervoso che abbiamo dentro la scatola cranica e la porzione che abbiamo dentro la parete intestinale sono rilevanti e a doppio senso di marcia. Il primo cervello, quello cranico, influenza il secondo, quello viscerale, ma anche il secondo influenza il primo, nel senso che quello che accade nella testa (stress, emozioni ) influenza la salute della pancia e viceversa: la salute della pancia può influenzare il benessere mentale (depressione, ansia e altri disturbi psichici) e quello immunitario. La nuova edizione, che esce a 8 anni dalla prima, si presenta ampliata e aggiornata in tutti i capitoli accuratamente rivisti alla luce delle più recenti conoscenze. In particolare si è dato spazio alle ricerche che collegano l'intestino a disordini psichiatrici gravi e a malattie autoimmuni, come l'artrite reumatoide e le malattie infiammatorie intestinali, ma anche a problemi ginecologici e dermatologici. Completano il volume i consigli per un'alimentazione equilibrata e per un uso corretto della fitoterapia e degli esercizi di rilassamento.

 Per acquisti e ulteriori informazioni: http://www.tecnichenuove.com/la-saggezza-del-secondo-cervello-10556.html

Mangiare con gusto e far da se. 

Un altro ottimo libro scritto da Aldo Bongiovanni che continua con pratica utilità il percorso intrapreso con i precedenti due testi dedicati al pane e alla conoscenza dei prodotti naturali.
In questo caso si va oltre la semplice conoscenza dei prodotti per approdare nel magico mondo dell'auto produzione dove tutto è possibile e soprattutto la personalizzazione derivante dalla propria sensibilità creativa può portare a toccare lidi di grande soddisfazione.

Grande protagonista del libro è la soia madre di un infinità di preparazioni molte delle quali ormai entrate anche nel nostro uso quotidiano portando indubbi vantaggi a partire del risolvere le fastidiose intolleranze dovute al consumo dei latticini.

Questa madre ricchissima di preziose proteine come anche di numerosi altri nutrienti importanti ha generato nel tempo una serie di prodotti estremamente diversi fra loro, prodotti che poi hanno offerto soluzioni pratiche in cucina e per l'alimentazione quotidiana.

Esaminata la soia nella sua genesi essenziale di pianta si passa nelle pagine successive alla dettagliata e ricca descrizione del latte di soia, del tofu, dello yogurt (sconfinando anche in un accenno agli altri tipi di yogurt) e al tempeh.

Tutto questo con un ricchissimo bagaglio di notizie, informazioni, approfondimenti, curiosità, accorgimenti pratici, soluzioni, metodologie produttive, accurate analisi nutrizionali e utili chiarimenti di natura chimica.
Se pensiamo che alla voce tofu vengono descritte 13 varianti dello stesso figlio della soia con la descrizione e l'uso prevalente a cui è destinato capiamo bene la mole di preziose informazioni presenti.

Ma non è di sola soia che si parla, una buona documentazione e descrizione è presente rispetto al seitan, ai germogli e ad altre piccole preparazioni naturali.
Nell'ultimo capitolo poi si passa alla descrizione dettagliata di come preparare da se questi prodotti con l'ausilio di un buon numero di pratiche foto che passaggio dopo passaggio portano a comprendere ben il come e il quando della nascita di una preparazione.

In conclusione un libro assolutamente consigliato per chi vuole sapere, comprendere, conoscere e poi magari mettere le proprie capacità in campo per realizzare da se quello che normalmente compra a occhi chiusi.

Di seguito la scheda di presentazione ufficiale del libro.

Descrizione


In tempi di crisi fiorisce il faidate e l'autore ci spiega come, producendo in casa alcuni alimenti base (in questo caso della cucina vegetariana e naturale), il risparmio annuale per una famiglia di 4 persone sia superiore a uno stipendio medio mensile. Il testo, oltre a descrivere contenuti e valori nutrizionali dei diversi alimenti e le basi tecniche per la loro produzione, insegna passo passo come preparare alcuni alimenti naturali come i derivati della soia, dal latte allo yogurt, dal tofu al tempeh, passando poi al seitan e ai germogli. Oltre alla soddisfazione personale e al risparmio economico, un altro indubitabile vantaggio del faidate in cucina è quello di assicurarsi un prodotto più fresco e di cui si conoscono le materie prime utilizzate.

 

Per l'acquisto e approfondimenti:

http://www.tecnichenuove.com/prodotti-naturali-fai-da-te.html

Un libro ricco di consigli utili per aprire la mente e ritrovare l'equilibrio della consapevolezza.  

Può sembrare difficile trovare dei collegamenti tra la cucina e l'alimentazione rispetto ad altri mondi paralleli della società, ma è pur vero che la cucina in quanto forma culturale prima ancora che lavoro è un perfetto specchio di tutto il mondo esterno e da questo mondo, per quanto in apparenza lontanissimo, ha molto da imparare e fare tesoro.

Ne è uno fulgido esempio il libro recensito in questo articolo che ha un titolo decisamente non alimentare, serioso e allo stesso tempo quasi mistico e filosofico.
Uno di quelli che sembrano fatti dai tanti finti guru della comunicazione o formazione che circolano nel mondo e magari in parte è anche così, eppure ha dentro strumenti preziosi e molto utili anche per chi in cucina ci lavora.

Il titolo va letto e inteso in senso de potenziato, cioè non mira a far diventare i lettori dei dominatori delle menti altrui, semplicemente spiega con chiarezza e praticità quali meccanismi mentali si innescano nelle tante situazioni della vita, il perché si innescano e le devianze a cui portano.
Che sono fondamentalmente paura, ansia, rabbia e stress (poi tanto altro ovviamente), tutto dentro una mente che ha perso i riferimenti intelligentemente equilibrati che di per se ha, che tutti hanno.

E come si arrivi a costruire una serie di visioni distorte del mondo e degli altri in un gioco di castrazione della propria capacità di vivere con più serenità le vicende della vita e allo stesso tempo riuscire a capire più in profondità ciò che succede intorno a noi evitando come primissima cosa l'enorme tranello di giudicare solo dalle apparenze o dalle nostre devianze interne.

A che serve in cucina?
A tantissimo, intanto a ritrovare un umanità che è si figlia della propria anima e del proprio spirito oltre che dell'energia innata in ogni essere, ma che senza il supporto della mente si smarrisce alla velocità della luce.
Un umanità che fa capire meglio la dimensione personale di chi con noi collabora in cucina, il nostro ruolo reale, il modo di organizzare e migliorare la progettualità del lavoro, il come e il quando saper intervenire nelle tante situazioni difficili che il lavorare in cucina porta con se.

E questa umanità ritrovata con l'aiuto della mente serve anche a dialogare meglio con alimenti e cibi, a incanalare la propria grande passione sulle vie più sensate, a capire quali errori, per quanto in buona fede, si commettono o si rischia di commettere.
All'inizio del libro c'è un estratto del pensiero di quel genio che è stato William Shakespeare che troviamo esemplare: "...non vi è nulla di buono o cattivo che il pensiero non rende tale."
Perché anche in cucina non vi è nulla di buono o cattivo che la presunzione di sapere e la diffidenza di non voler conoscere non rende tale.

Di seguito la presentazione ufficiale.


La mente può agevolare oppure ostacolare il successo. Il nostro modo di pensare condiziona la nostra vita e il raggiungimento dei nostri obiettivi. La mente, oltre a essere memoria, è anche centro di elaborazione di sensazioni, per cui se vogliamo ricordare di più ed essere meno preoccupati e necessario seguire alcune tecniche che aiutano a ottenere questi risultati. Il potere della mente spiega come fare.
L'autore non frastorna il lettore con concetti astrusi, accademici o con nuove filosofie esoteriche alla moda, ma parte da presupposti reali e quotidiani e analizza le situazioni esistenti che possono essere affrontate in maniera concreta. Per esempio imparare a prendere il controllo della paura e dell'ansia, migliorare le relazioni nella vita personale e in quella lavorativa, sviluppare capacità di analisi e di ricordo e molto altro ancora.
La mente e il modo di pensare sono un indicatore di come ci sentiamo, di come operiamo e di cosa diciamo. Migliorare la mente significa migliorare la nostra vita.

 

Per l'acquisto e approfondimenti:

http://www.tecnichenuove.com/il-potere-della-mente.html

150 ricette di dolci e leccornie da tutto il mondo

È un libro con una forte impostazione macrobiotica, per cui se siete sostenitori di questa filosofia alimentare ritroverete molti dei suoi concetti.

Diciamo subito in positivo che il libro è un bel tentativo di ribaltare in chiave salutistica il concetto di dolce in favore di una pasticceria che utilizzi il più possibile gli aromi naturalmente dolci degli alimenti limitando l'uso di dolcificanti esterni, in particolare quelli accusati apertamente di portare notevoli danni all'organismo, se consumati in eccesso, come il comune zucchero bianco da tavola.

Si aggiunge poi un bel ricorso ai prodotti integrali, come la farina, con tutti i notevoli benefici che le fibre portano con se, l'abbondante presenza della frutta sia fresca che secca non consumata mai abbastanza, un buon uso di spezie per intensificare naturalmente la componente dolce delle ricette.

Purtroppo il tutto finisce qui e iniziano le note dolenti, intanto uno stupefacente ricorso in quasi tutte le ricette al sale, un elemento raramente indispensabile in pasticceria e a nostro modo di vedere molto più nocivo e pericoloso del tanto demonizzato zucchero.

L'utilizzo molto frequente delle margarine vegetali che per quanto non idrogenate non sono certo il massimo della salubrità, molto più sensato ricorrere al puro olio interpretando in chiave più moderna la pasticceria, e per fortuna in alcune ricette questo avviene.

Ma la critica più forte è alle tante inesattezze presenti nelle ricette, in diversi casi mancano i pesi specifici di alcuni ingredienti, non vengono spiegati con la dovuta attenzione passaggi chiave che poi possono determinare il fallimento della ricetta finale, ci sono evidenti errori di proporzioni che fanno immaginare chiaramente risultati ben poco convincenti.

Un giudizio suffragato dalle prove di alcune ricette che abbiamo effettuato.
Sullo sfondo rimane poi un impostazione alimentare profondamente nord Europea, crediamo difficilmente riportabile nel contesto del gusto Italiano, in particolare nel caso dei dolci, tasto molto sensibile e sentito.

Onestamente nel complesso siamo rimasti abbastanza delusi, un peccato perché l'editore ha in catalogo ottimi libri che abbiamo anche recentemente recensito.
Se possiamo permetterci un modesto parere consiglieremmo all'editore una maggiore attenzione in fase di revisione prima della pubblicazione finale dei testi.

Acquista il libro on-line

Ultimi articoli

Ultime statistiche, indicazioni e consigli sulla celiachia

Ultime statistiche, indicazioni e consig…

01-07-2019 Celiachia

Secondo l’ultima relazione messa a punto dal min...

L’umami nei pomodori

L’umami nei pomodori

14-06-2019 Cucina e condimenti a Crudo

Con l’arrivo dei pomodori finalmente di stagione...

L'avocado magico, oltre la polpa le virtù antiinfiammatorie nascoste del seme

L'avocado magico, oltre la polpa le virt…

21-05-2019 Reumatismi

Rimane l'avocado un frutto davvero straordinario p...

Libri in Primo Piano

Semplicità in cucina

Semplicità in cucina

Maggio 17, 2019

Cucinare è sempre una bellissima esperienza, cons...

La Cucina per i Bimbi

La Cucina per i Bimbi

Luglio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Coinvol...

Ipertensione: curarla a tavola

Ipertensione: curarla a tavola

Aprile 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il ruol...

Le ricette del mese

Peperoni piccanti in chutney agrodolce al profumo di rosmarino

Peperoni piccanti in chutney agrodolce a…

22-09-2019 Conserve e Salse

Ingredienti per 8 persone: 300 g di peperoni lu...

Farro con pesto di zucchine e pinoli

Farro con pesto di zucchine e pinoli

18-09-2019 Primi

Ingredienti per 4 persone: 250 g di farro perla...

Dessert di fichi tardivi al cioccolato, pistacchi e salsa di pesca alla vaniglia

Dessert di fichi tardivi al cioccolato, …

13-09-2019 Dolci e Dessert

Ingredienti per 4 persone: 20 fichi autunnali, ...

banner