Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

May 28, 2020 Last Updated 7:51 AM, May 27, 2020

Tagliere, caratteristiche e consigli

Pubblicato in Utensili da Cucina
Letto 261 volte
Vota questo articolo
(5 Voti)

Se in principio era solo il tagliere in legno a essere presente nelle cucine di casa o professionali oggi il materiale e la forma hanno ben altre caratteristiche. Vediamo insieme quali taglieri utilizzare, le caratteristiche di base, le norme d’uso e gestione.

Il tagliere rappresenta la base di ogni preparazione di cucina ed è essenziale curarne bene ogni aspetto, dalla scelta preliminare alla manutenzione e gestione durante e dopo le lavorazioni.

Una volta erano solo i taglieri in legno a essere presenti in cucina e a seconda della qualità dell'albero con cui erano costruiti potevano durare più o meno a lungo, spesso quelli fatti con il legno di ulivo si sono dimostrati i più durevoli in assoluto oltre che belli da vedere.

Oggi ufficialmente il tagliere di legno standard, fatta eccezioni per quelli moderni costruiti con legni ben trattati in seguito ad accurata lavorazione, sono banditi dalle operazioni vere e proprie di cucina dove vi è un contatto con acqua e elementi umidi, le nuove normative in questo senso sono particolarmente severe e non lasciano spazio a deroghe non consentite.

Le problematiche del tagliere in legno sono relative soprattutto al caso della preparazione di carni e pesci, mentre hanno una loro ragione d'essere in sala per il taglio del pane o altre operazioni simili pur dovendo rispettare alcuni criteri di produzione.

Si trovano in alternativa taglieri in vetro, poco raccomandabili da molti punti di vista, o ultimamente i tecnologici in silicone ancora poco diffusi.

Quello in plastica dura moderna, il diffuso tagliere in polietilene onnipresente nelle cucine professionali, è una via di mezzo che garantisce buon risultati complessivi a patto di essere trattato con cura e attenzione.

Per prima cosa all'acquisto è importante scegliere un tagliere in polietilene molto spesso, almeno 1,5 cm di altezza e possibilmente di più, che grazie a spessore e peso si deteriora e deforma con meno frequenza, resiste con più efficacia all'azione abrasiva del coltello e a quella della pulizia con disinfettanti e prodotti chimici appositi.

Per sbiancare la superficie scurita dall'uso il sistema più immediato e efficace è lasciare il tagliere immerso in acqua e candeggina sciacquando poi con molta cura, ma se si preferisce un metodo più ecologico e attento è anche possibile strofinare la superficie con un limone e del sale grosso.

Per finire ricordiamo che è anche molto importante non trascurare dopo il lavaggio l’asciugatura del tagliere in modo da lasciarlo il meno possibile umido in quanto questa condizione favorisce il formarsi di muffe e tende a deformare la struttura e la tenuta del tagliere a prescindere dal materiale con cui è realizzato.

Altro in questa categoria: La scelta del coltello da cucina »

Ultimi articoli

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavola

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavo…

27-05-2020 Mangiare sano

Anche se le dinamiche di mercato ci fanno trovare ...

La salute dei denti è condizionata direttamente dai nostri pasti

La salute dei denti è condizionata dire…

21-05-2020 Alimentazione

La salute dei denti è fondamentale come premessa ...

Proteine vegetali e tofu, binomio ricco di opportunità in cucina

Proteine vegetali e tofu, binomio ricco …

04-05-2020 Mangiare sano

Se siamo alla ricerca di buone proteine vegetali p...

Libri in Primo Piano

Prevenire il cancro a tavola

Prevenire il cancro a tavola

Gennaio 01, 2013

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Non è ...

La Cucina per i Bimbi

La Cucina per i Bimbi

Luglio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Coinvol...

100 cibi in conserva

100 cibi in conserva

Agosto 01, 2007

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Questo ...

Le ricette del mese

Gnoccheti morbidi di quinoa, sorgo e spinaci con salsa di carote allo zenzero

Gnoccheti morbidi di quinoa, sorgo e spi…

25-05-2020 Primi

Una tecnica molto speciale per questi originali gn...

Insalata verde primaverile con fragole e pecorino

Insalata verde primaverile con fragole e…

21-05-2020 Insalate

Una gustosa insalata di primavera dove si incontra...

Tortini con getti apicali di luppolo selvatico e olio d’oliva

Tortini con getti apicali di luppolo sel…

18-05-2020 Secondi

Il raccolto di una passeggiata all’aria aperta r...

Invito alla Lettura

Come dimagrire

Come dimagrire

24-09-2011 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Barbara Asprea e Dani...

La cucina a crudo in un bel libro

La cucina a crudo in un bel libro

21-11-2014 Invito alla Lettura, i libri consigliati

La cucina crudista nei suoi tanti pregi.  Tr...