Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jun 07, 2020 Last Updated 10:14 PM, Jun 4, 2020

5 porzioni ancora meglio di 7

Pubblicato in Tumori
Letto 3606 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto

Una recente analisi chiarisce la quantità ottimale del consumo di frutta e verdura.

Da alcuni anni si è aperto il dibattito sulla reale quantità di frutta e verdura necessaria a innescare il meccanismo preventivo di riduzione dei rischi rispetto alle più frequenti e invasive patologie moderne.

Se tutto è iniziato con l'encomiabile campagna delle 5 porzioni al giorno di frutta e verdure che per fortuna ha preso piede in gran parte dei paesi occidentali, pur se i risultati non sono sempre stati all'altezza, col tempo ci si è cominciati a chiedere se forse un consumo ancora maggiore poteva portare a incrementare la percentuale di successi.

In una ricerca recente che ha fatto discutere, infatti, si affermava che presumibilmente la soglia minima doveva essere spostata non a 5 ma a 7 porzioni.
Era stata questa, infatti, la conclusione di Oyinlola Oyebode che presso la University College di Londra aveva condotto uno studio che dimostrava come il consumo di sette o più porzioni di frutta e verdura al giorno era più vantaggioso delle classiche cinque.

Forse anche per questo motivo un team di ricercatori internazionale di origine cinese e statunitense hanno voluto verificare in che modo l'associazione tra la quantità reale di frutta e verdura consumata è in relazione con il rischio di morte per qualsiasi causa, il cancro e le malattie cardiovascolari.
Tutto questo attraverso il dettagliato esame di 16 studi che nel complesso hanno coinvolto 833.234 individui per un lungo arco di tempo; durante il periodo di controllo si è verificato il decesso di 56.423 soggetti, in particolare 11.512 per malattie cardiovascolari e 16.817 per cancro.

Ciò che è risaltato maggiormente è stata la constatazione di come i partecipanti con maggior consumo di frutta e verdura avevano ridotto il rischio di morte per tutte le cause e per malattie cardiovascolari con un appunto molto significativo: il rischio di morte si riduceva del 5 per cento per ogni porzione supplementare di frutta e verdura consumate al giorno rispetto a un consumo nullo.
Merito di tutto questo è soprattutto degli antiossidanti contenuti nei vegatli (vitamina C, carotenoidi, flavonoidi, ecc) che ad esempio prevengono l'ossidazione del colesterolo nelle arterie e inibiscono l'aggregazione delle piastrine senza dimenticare che frutta e verdura aiutano a ridurre il tono vascolare e quindi la pressione arteriosa introducendo allo stesso tempo notevoli quantità di magnesio e potassio, due dei minerali più importanti per la prevenzione generale.

Pubblicato sul British Medical Journal da parte del Dottor Frank Hu del Dipartimento di Nutrizione ed Epidemiologia presso la Harvard School of Public Health di Boston l'analisi ha anche però precisato come oltre una certa soglia di consumo non si osservano significativi vantaggi.

In pratica per quanto non sia negativo consumare più di 5 porzioni al giorno, anzi potrebbe essere tutto sommato auspicabile visto che possono esserci periodi o contesti in cui non si riesce a seguire una dieta sufficientemente ricca di vegetali, a livello statistico non ci sono particolari vantaggi nel superare le 5 porzioni rispetto alla riduzione del rischio di sviluppare malattie come infarti, ictus e tumori.

Fonte: Corriere della Sera – Nutrizionista Carla Favaro

Altro in questa categoria: Tumori, obesità, adolescenti »

Ultimi articoli

Lo zenzero, il ginger degli inglesi

Lo zenzero, il ginger degli inglesi

04-06-2020 Spezie

Lo zenzero è una spezia fortemente radicata nella...

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavola

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavo…

27-05-2020 Mangiare sano

Anche se le dinamiche di mercato ci fanno trovare ...

La salute dei denti è condizionata direttamente dai nostri pasti

La salute dei denti è condizionata dire…

21-05-2020 Alimentazione

La salute dei denti è fondamentale come premessa ...

Libri in Primo Piano

La Cucina Mediterranea delle Verdure

La Cucina Mediterranea delle Verdure

Maggio 02, 2006

Consigli e ricette di uno chef Descrizione: Nuov...

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Cucina a Vapore

Cucina a Vapore

Ottobre 01, 2012

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Possiam...

Le ricette del mese

Coppette di ciliegie con yogurt profumato alla menta fresca e pistacchi

Coppette di ciliegie con yogurt profumat…

03-06-2020 Dolci e Dessert

Le rosse ciliegie uno dei pochi frutti che ancora ...

Ceci e ravanelli in piccolo assaggio primaverile

Ceci e ravanelli in piccolo assaggio pri…

28-05-2020 Antipasti

Un assaggio di benvenuto semplice e veloce per un ...

Gnoccheti morbidi di quinoa, sorgo e spinaci con salsa di carote allo zenzero

Gnoccheti morbidi di quinoa, sorgo e spi…

25-05-2020 Primi

Una tecnica molto speciale per questi originali gn...

banner