Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jul 11, 2020 Last Updated 9:07 PM, Jul 8, 2020

Carne, tumori e consapevolezza del cibo consumato

Pubblicato in Tumori
Letto 2864 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto

Il rapporto IARC su carne, tumori e salute.

Si sono scatenate numerose prese di posizione sul dibattito innescato dalla conclusioni del rapporto IARC sulla carne rossa e conservata con i suoi nefasti risvolti su salute e tumori.
Colpisce forse più di tutto il discutibile tentativo in atto di minimizzare i rischi difendendo a prescindere l'assunzione di carne: ricorrendo alla parolina magica "moderato consumo" tutto sembrerebbe risolto.

Per chi minimizza il problema è relativo e il messaggio conseguente si traduce in un tranquillo via libera nel consigliare in ogni caso il consumo di carne e quel che è peggio insaccati scaricando colpe e onte del problema su chi solleva a gran voce la questione supportato da dati diventati ufficiali e pubblici.
I dati resi pubblici dal rapporto dello IARC, lo ricordiamo con chiarezza, sono frutto di analisi molto dettagliate e circostanziate che hanno preso in considerazione quasi 800 studi e ricerche diverse effettuate in ogni angolo del mondo da istituiti, università e centri specializzati in vari campi, indipendenti o pubblici che fossero.

Ma questi dati così importanti balzati agli onori della cronaca sono pubblici e nuovi solo per chi non interessandosi minimamente al cibo se non in apparenza o per godere della sola parte organolettica non si è mai documentato e informato.
Per tutti gli altri e chi è attento a ciò che consuma consapevole della sua influenza sull'organismo sono notizie vecchie, datate, sapute e risapute, convalidate da altre centinaia di ricerche serie e affidabili.
Per questo motivo se il tentativo di sminuire i dati da parte dei paladini della carne a oltranza è estremamente discutibile lo è anche chi cerca di speculare ora su queste notizie, amplificare ed esasperare notizie e informazioni buone che andrebbero comunicate con saggezza, mettersi in mostra affermando di aver sempre avuto ragione.

Così facendo si giustifica chi difende l'abbondante consumo di carne, si rafforzano gli estremi, si compattano i ranghi e alla fine tutto ritorna al punto iniziale.
Quando altre notizie allarmistiche e di tendenza prenderanno il sopravvento sarà facile far dimenticare questa.
Chi lavora nella direzione di offrire agli altri messaggi, contenuti, doni di buona alimentazione sa bene che notizie così sono pilastri da tenere con se e prendere a riferimento quando si spiega e si cerca di insegnare la "buona cucina".
Che per inciso non è quella che elimina totalmente la carne illudendosi che in questo modo tutto si risolve.

Del resto è un dato sconcertante scoprire che molti di quelli che escludono la carne per i più disparati motivi in realtà mangiano male e in maniera errata.
È quindi evidente che il punto non è tanto carne si o carne no.
Contano tante altre cose come ad esempio saper eseguire bene le tecniche di cottura corrette, conoscere la natura fisica degli alimenti, ciò che li può danneggiare o migliorare, quale interazioni possono avere con la condizione fisica di ogni singola persona.

Se prendiamo come riferimento questa foto è molto facile capire a tutti come per inciso non è che le verdure grigliate, nere, carbonizzate che accompagnano la carne siano meno pro tumori e arrivano a fare meno di male di questa, come non è l'insalatina sul fondo del piatto che può salvare una mala cottura di carne e verdure.

Più importante è essere consapevoli del cibo consumato e delle sue quantità attenendosi a studi oggettivi, seri e affidabili e trovando da se la strada migliore per l'organismo personale e la salute soggettiva.
Perché ogni persona è diversa e non esiste in nutrizione ne una regola assoluta ne una verità indissolubile!!!

Ultimi articoli

Noci: vero elisir per la pelle

Noci: vero elisir per la pelle

13-06-2020 Mangiare sano

Le noci vantano un lunghissimo elenco di sostanze ...

Lo zenzero, il ginger degli inglesi

Lo zenzero, il ginger degli inglesi

04-06-2020 Spezie

Lo zenzero è una spezia fortemente radicata nella...

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavola

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavo…

27-05-2020 Mangiare sano

Anche se le dinamiche di mercato ci fanno trovare ...

Libri in Primo Piano

Semplicità in cucina

Semplicità in cucina

Maggio 17, 2019

Cucinare è sempre una bellissima esperienza, cons...

Prevenire il Colesterolo

Prevenire il Colesterolo

Gennaio 01, 2008

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il cole...

La Cucina per i Bimbi

La Cucina per i Bimbi

Luglio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Coinvol...

Le ricette del mese

Pomodori ripieni di riso nero al profumo di limone e zucchine in gratin di mandorle e timo

Pomodori ripieni di riso nero al profumo…

08-07-2020 Antipasti

Con il riso nero si possono realizzare anche ottim...

Gnocchetti schiacciati di piselli con salsa rossa, formaggio di macadamia e nigella

Gnocchetti schiacciati di piselli con sa…

05-07-2020 Primi

L'innovazione abbastanza recenti delle farine di l...

Quinoa, carote e pistacchi con dressing di cannellini in agrodolce

Quinoa, carote e pistacchi con dressing …

30-06-2020 Primi

Pur non essendo un vero cereale la quinoa ormai è...

banner