Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Apr 09, 2020 Last Updated 4:15 PM, Apr 5, 2020

Le guide di Natura e Salute

L’indice glicemico è diventato un parametro importante per valutare nella sua completezza la qualità della dieta seguita e le conseguenze che scelte errate possono portare.
Inizialmente strettamente legato alle problematiche inerenti il diabete, questo indice ha via via esteso il suo ambito perché è di fatto un’ottima sentinella che segnala anomalie funzionali di grande importanza.

Allo stesso tempo ha avuto il merito di mettere nella giusta evidenza il ruolo super positivo di una lunga serie di alimenti integrali, del ruolo delle verdure integralmente consumate, dei danni causati da un eccesso di zuccheri ingeriti e molto altro.
Capita però spesso che venga citato a sproposito o per secondi fini poco intonati al suo reale significato, per questo è necessario conoscere bene cosa significa “indice glicemico”.

Un modo affidabile può essere quello di consultare libri ben scritti che di questo tema sanno dare le corrette coordinate alimentari.
È il caso del libro in oggetto che cerca di aiutare a capire tramite un linguaggio semplice ed elementare la problematica glicemica basandosi su studi seri e affidabili e soprattutto contando sulla supervisione di esperti della materia, come il Dottor Franco Berrino.

Il libro si apre affrontando subito la questione zuccheri, non demoni nella loro totalità, ma nutrienti da capire e saper consumare con cognizione di causa in base a mille variabili diverse e soprattutto in relazione alla singola fisiologia individuale.

Si prosegue poi con una corretta analisi sui principali nutrienti di cui sono composti gli alimenti, su cosa porta a diventare grassi e sulla qualità funzionale dei diversi grassi alimentari, sul ruolo del glucosio nel sangue, su fibre, vitamine, Sali minerali e la fondamentale acqua.

Ci sono anche una serie di piccole pillole di saggezza dietetica e naturalmente una lunga serie di ricette a corredo, con un’analisi precisa di cosa le diverse portate dovrebbero avere per arrivare a controllare con correttezza l’indice glicemico.

Di seguito la nota ufficiale che accompagna il libro

Il metodo per togliersi di dosso in modo duraturo il grasso di troppo esiste ed è abbastanza semplice: bisogna imparare a mangiare cibi che non facciano ingrassare e farne una regola di vita per la linea e la bellezza e, soprattutto, per la salute.

L'alimentazione deve essere a base di cereali, soprattutto integrali, legumi, verdura, olio d'oliva, frutta, cui si possono aggiungere pesce, carne bianca e un po' di latticini (soprattutto quando si è giovani), talvolta, se si desidera, carne rossa e, più raramente, dolciumi, soprattutto se industriali.
Il tutto con poco alcol, molta acqua e l'indispensabile movimento.

Questo tipo di alimentazione ha il vantaggio di essere "a basso indice glicemico", cioè di mantenere basso il livello di glucosio nel sangue e di conseguenza anche quello dell'insulina, proteggendo sia dal sovrappeso sia dalle patologie del benessere.
Ispirato agli insegnamenti di Michel Montignac e confortato dall'esperienza del dottor Franco Berrino, un testo agile e pratico che aiuta a scegliere l'alimentazione più salutare senza rinunciare al gusto.

Acquista il libro on-line

Un bel libro, compratelo e consultatelo con calma, ogni tanto sfogliate una pagina, appagate i vostri occhi con i colori, annotatevi qualche buona ricetta da fare adesso, oggi, domani, fra un mese, non importa.

Intanto vi darà rilassatezza e serenità anche per le belle e originali foto frutto di un attento studio e di una scelta di fondo ecologica, ovvero foto con luce naturale, senza usare fonti luminose extra, senza consumare energia.

Tutto il libro ha questa verve ecologista nel senso più bello del termine e regala positività senza avere la presunzione di voler insegnare nulla o dare verità assolute, quelle, le verità, sono da trovare da se e ognuno di noi sicuramente ha le sue.

Il percorso segue le tracce dei colori, si parte dal nero per passare al bianco, giallo, verde e rosso, ad ogni step prima un’analisi di ingredienti basilari figli di quel colore, quindi cereali, dolcificanti, erbe aromatiche fresche, frutta fresca e secca, leguminose, spezie, verdure, alghe e una serie di altri ingredienti raggruppati sotto la voce varie.

foto spaghetti di riso con radicchioDopo un’interessante serie di ricette tese a valorizzare il colore trattato nel capitolo, ma con comuni denominatori dati dalla bontà, salubrità eticità e coerenza ecologica.

In mezzo molti pensieri e riflessioni e forse più di tutto un fascino nostalgico delle buone cose di un tempo, una sensazione amplificata dalla grafica che gioca con foto, colori e qualità stessa della carta,una particolarità che lasciamo scoprire da voi leggendo il lungo percorso che ha portato alla stesura del libro.

Un bel libro, compratelo, garantiamo personalmente la sua validità, almeno se vi interessa la qualità dei contenuti e la certezza che chi lo ha scritto non è una scatola vuota fatta di apparenza e labile notorietà.

A conferma di questo ecco un'immagine di una delle tante ricette presenti.

Di seguito la nota informativa che accompagna il libro, che potete comprare comodamente sul sito

La cucina dei colori è un libro di ricette ma anche un affascinante viaggio all’interno degli effetti della cromoterapia, del gusto, del piacere e della storia del cibo.

Nero, bianco e tutti i colori dell’arcobaleno vengono portati a tavola: 80 ricette proposte dallo chef Nicola Michieletto. Gusto, colore e benessere si fondono ispirandosi alla vita e agli studi di cromoterapia di Daliah Giacoma Sottile.

La luce, il colore, l’amore  per se stessi, l’attenzione per la qualità del cibo e nessun condizionamento calorico sono alla base di questa rivoluzionaria filosofia alimentare adatta anche all’alimentazione dei bambini perché coloratissima.

Il libro è ricco di informazioni e nozioni storiche che ci portano alla scoperta delle origini e tradizioni degli alimenti organici e biologici proposti nelle ricette perché il cibo è cultura, salute e benessere: porteremo a tavola l’arcobaleno, luce e colore nella  nostra alimentazione quotidiana, senza più l’incubo delle calorie.

Acquista il libro on-line

Un ricettario per tutti i giorni

È un libro molto interessante per il percorso che segue, l’utilizzo dei tipici prodotti del commercio equo e solidale con tutta la valenza etica e sociale che si portano dietro.
L’impostazione, le tradizioni, lo stile alimentare che ricalca sono tipicamente inglesi, ma questo non significa esclusivamente cucina anglosassone perché l’eterogenea composizione etnica tipica di città, ad esempio, come Londra ha determinato un contributo diversificato in base ai paesi di provenienza originari.

Per cui abbiamo uno spaccato abbastanza internazionale con ricette interessanti che lasciano intravedere usi alternativi di molti ingredienti che comunemente sono usati nella cucina di chi segue e ha a cuore i temi del commercio equo e in generale della cultura bio.
Le proposte sono tante e gran parte di esse con una buona documentazione fotografica che rende bene l’idea dell’esito finale del piatto, certo in diversi casi i gusti complessivi sono un poco lontani da quelli tipicamente Italiani, ma è sufficiente un piccolo adattamento a ingredienti o procedure per noi più usuali per renderli ugualmente validi.
Quello che invece colpisce in negativo, ma paradossalmente è un merito del libro, è il quadro di insieme che viene fuori rispetto al modo di alimentarsi di un’importante fetta della popolazione mondiale.

L’onnipresenza del burro sia in piatti salati che dolci e spesso in quantità non necessarie, l’abbondanza di zuccheri, il frequente ricorso alla carne (e anche qui senza un reale bisogno in molti casi).
Un motivo è che la maggior parte delle ricette sono in realtà dolci, ma questo non cambia molto le cose e ci fa capire che lo stile mediterraneo e Italiano (quello sano, naturalmente) ha pregi maggiori e quindi di questo dovremmo consolarci abbastanza.
Di contro piace molto nel libro il frequente ricorso alla frutta anche nei piatti salati, un ingrediente che andrebbe valorizzato maggiormente viste le sue tante virtù, mentre al contrario nella nostra cucina stenta ad affermarsi come dovrebbe.
Di seguito le informazioni editoriali che accompagnano il volume che potete trovare comodamente in vendita qui.

Nell’intento di offrire idee nuove e originali per la realizzazione di piatti preparati con i prodotti del commercio equo e solidale, Fairtrade Foundation (omologa inglese di Fairtrade Italia) ha indetto un concorso per scegliere le migliori ricette ispirate alla cucina internazionale. Qui troverete più di cento appetitose ricette inviate dai numerosi partecipanti.

Personaggi noti e sostenitori di Fairtrade Foundation, come gli chef Antony Worrall Thompson e Hugh Fearnley-Whittingstall, l’atleta Sir Steve Redgrave, la scrittrice Joanne Harris e il giornalista George Allagiah ci hanno svelato alcuni dei loro segreti e hanno inviato fantastiche ricette.

Produttori del commercio equo e solidale di Africa, India e Caraibi, che testimoniano quanto il vostro costante sostegno sia utile allo sviluppo e al miglioramento delle loro comunità, hanno inviato le ricette di famiglia preferite, realizzate con ingredienti di produzione propria. Se per voi è importante conoscere la provenienza dei cibi che mangiate e sostenere i produttori del commercio equo e solidale, questo è il ricettario che fa per voi.

Acquista il libro on-line

Supera la tempesta con saggezza

La recensione di questo libro in apparenza poco intonato con gli argomenti abitualmente trattati nel contesto del portale non può che partire da un cameo liberamente tratto dal volume.

..... Per riuscire ad aiutare gli altri dobbiamo avere almeno un po' di calma, un po' di gioia, un po' di compassione ..... le otterremmo praticando la consapevolezza meditativa ..... non è solo nella stanza meditativa che possiamo dedicarci a questa pratica ..... possiamo praticarla anche in cucina ..... è qualcosa cui dovremmo dedicarci ogni giorno ed è possibile farlo mentre svolgiamo tutte le nostre attività quotidiane .....

Ecco così che torniamo a riaffermare, grazie a questo libro, come la cucina sia tutto e tutto serva a saper ben cucinare, servono il confronto, l'apprendimento, la capacità di capire come il "fare della cucina" sia anche un fare meditativo che aiuta a superare le tante difficoltà della vita oltre a godersela attraverso il gusto organolettico.

Può servire anche a superare le paure? Certo perché è un ottimo campo di prova e sperimentazione che grazie all'aiuto dell'energia positiva degli alimenti ci porta a toccare confini lontani confrontandoci con l'operatività pratica di un bellissimo mestiere artigianale, come tutti i mestieri artigianali.
Come si intuisce dal titolo il tema del libro è la paura e l'intento è insegnare a superarla trasformandola da forza negativa a forza positiva.

Ma la vera protagonista è la consapevolezza, una consapevolezza del qui e ora molto profonda che può portare a cogliere moltissime cose che generalmente ci lasciamo sfuggire vivendo nel passato o proiettandoci inutilmente nel futuro, in ogni caso non contemplando minimamente il presente.
Essere consapevoli è indispensabile per superare le paure e lo è anche per essere un bravo cuoco, come un bravo medico e così via, di fatto un passo essenziale per provare a migliorarsi sempre.
Ecco l'utilità vera di questo libro che si legge agevolmente e in maniera chiara inducendo a un'ampia riflessione delle personali dinamiche di vita.
Per essere bravi cucinieri la formazione è necessaria a 360 gradi e molto si può imparare anche leggendo libri di questo tipo evitando di fermarsi alle apparenze e alle proprie presunzioni.

Acquista il libro on-line

Natura e Salute

È il libro dell’anno, almeno secondo il nostro modesto parere, un libro prezioso e fondamentale per tutti quelli che hanno a cuore la propria salute, il buon vivere e di riflesso la buona cucina, anche se il collegamento in apparenza non sembra correlato.
Soprattutto è un libro scritto da chi ha autorevolezza alta e meritata, perché di libri simili, nel senso che cercano di affrontare un argomento simile, ne ho visti diversi in circolazione, magari scritti da personaggi del web o di altra derivazione mediatica che di autorevolezza non hanno nulla.

E lo diciamo con tutto il rispetto possibile per chi scrive e produce nel mondo del web e dei media, ma sinceramente competenza e autorevolezza non si acquisiscono solo perché in tanti seguono i nostri pensieri di vita o l’immagine scintillante data da un mezzo dei media.
Si conquista (almeno ancora adesso!!) con il lavoro serio di studio, ricerca, confronto, esperienza diretta, ascolto di maestri e persone più capaci, umiltà nel portare avanti progetti e idee.

È un po’ come in cucina, non si è Chef solo perché si sta in televisione un giorno si e l’altro pure, perché si raccontano tante sciocchezze in programmi del tutto discutibili, perché improvvisamente nel web qualcuno ha decretato che si è bravi e competenti!!
Il percorso come tutti i mestieri di mano e passione è fatto di lunghe giornate di lavoro in cucina, aspettative deluse, ambizioni, voglia di conoscere, scontri e incontri duri, scoperte e rivelazioni, fatica e stanchezza concreta, gioia e soddisfazione delle proprie creazioni, reali e non solo raccontate!
Detto e precisato questo passiamo al libro, il titolo è stimolante e ambizioso allo stesso tempo ma è esattamente l’argomento vero delle pagine interne, un excursus sui vari aspetti della vita che incidono in positivo o negativo sulla nostra buona esistenza in salute e serenità.
Che non è poco.
Naturalmente con una lunga parte dedicata all’alimentazione uno dei perni fondamentali per mantenersi negli anni in piena efficienza.
E in questo ambito i consigli saggi e preziosi non mancano, ma soprattutto si scopre (per chi non è già conoscitore di questi elementi) che le regole sono incredibilmente elementari e semplici, quasi banali e forse per questo a molti poco credibili, un paradosso che la dice lunga su quanta confusione si ha in testa.
Ad esempio è forse banale dire che la prima regola è mangiare poco, bene e poco, eppure è semplicemente così, già solo il seguire questa regola ci toglie di mezzo improvvisamente molti malanni strettamente legati all’alimentazione e al cibo oltre a essere una formidabile chiave di prevenzione e rendere del tutto inutili il 99% delle diete dimagranti in circolazione.
E la bellezza del libro, il perché è per noi il libro dell’anno, è che tutto questo viene spiegato con estrema convinzione e soprattutto attendibilità delle fonti.
Per dare un’idea della bellezza e utilità del libro vi citiamo i 7 capitoli da cui è composto:

  1. Le chiavi della giovinezza
  2. Il corpo, specchio dell'età
  3. Rimanere giovani mangiando correttamente
  4. Ringiovanire con il movimento
  5. Mente giovane, emozioni positive, buone relazioni
  6. La casa della giovinezza
  7. Le fonti continue di rinascita

E in ultimo una postilla sullo stile di vita centenario con i 12 segreti per vivere a lungo in piena forma.
Ora anche se non sembra in tutti i capitoli trattati il cibo gioca sempre un determinato ruolo, perché il cibo non è solo alimento organolettico, ma cibo è tanto altro, relazioni, cultura, socialità, movimento, confronto, aperture, tolleranza, comprensione, letture, viaggi e moltissimo altro.
E il vero segreto è proprio questo, sapere saggiamente alimentarsi di tutto, vedere il tutto come un cibo e sapere che noi come esseri non è del solo cibo alimentare che abbiamo bisogno, ma di tutto il cibo che questo mondo sa offrirci nelle sue varie e diverse espressioni.
Che poi per noi il cibo sia passionalmente legato soprattutto alla cucina è solo un aspetto personale, nulla toglie al valore del cibo globale di cui dobbiamo sapere cibarci.
Sempre se vi vogliamo bene e ci teniamo ai nostri 100 anni.
Concludiamo con la riflessione che il libro è talmente valido che potrei andare avanti per un bel pezzo a descriverne i contenuti, ma questo lo lascio fare a voi se avrete voglia di sfogliarlo, per una comoda rintracciabilità e acquisto lo trovate ad esempio qui.
In ultimo mettiamo la descrizione e presentazione ufficiale del volume.

La ricerca ha evidenziato che rimanere giovani nonostante il trascorrere degli anni, in una condizione di pieno benessere e salute, dipende in larga misura dalle scelte e dai comportamenti personali. Il libro spiega come realizzare un proprio progetto di longevità e benessere basato su sette fattori strategici.

Conoscere i propri punti di forza e di debolezza per scegliere uno stile di vita che assicuri la piena realizzazione di se stessi, mettendo a frutto tutto il potenziale di vitalità, ed effettuare valutazioni mediche periodiche .
Mantenere il corpo sempre giovane e in forma adottando le misure adatte per rimodellarlo continuamente .
Assicurare a tutte le cellule dell'organismo il nutrimento ideale, seguendo una dieta sobria, variata, naturale, vitale.
Ringiovanire grazie a una regolare attività motoria quotidiana, praticata senza frenesia o ansia .
Allenare la mente e mantenere un atteggiamento di serenità ed equilibrio emozionale .
Progettare una personale architettura della salute e del benessere creando un ambiente confortevole, sano e ordinato
Favorire la continua rinascita eliminando le scorie, rinnovando i tessuti invecchiati e facendo sì che sia il proprio organismo a produrre gli ormoni della giovinezza.

Acquista il libro on-line

Ultimi articoli

Dieta e buon umore per aiutare il cuore e la salute

Dieta e buon umore per aiutare il cuore …

05-04-2020 Alimentazione

Non sappiamo ancora con certezza se sia una buona ...

Rosmarino, la “rugiada del mare” celebrata dai poeti dall’anima fortemente mediterranea

Rosmarino, la “rugiada del mare” cel…

24-03-2020 Erbe aromatiche

La “rugiada del mare” come poeticamente chiama...

Ipertensione, Covid-19 e sale

Ipertensione, Covid-19 e sale

23-03-2020 Ipertensione

Tra i fattori predisponenti l’aggravamento dei s...

Libri in Primo Piano

Friggere bene

Friggere bene

Maggio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il frit...

Cucina mediterranea senza Glutine

Cucina mediterranea senza Glutine

Ottobre 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: La celi...

La Cucina Mediterranea delle Verdure

La Cucina Mediterranea delle Verdure

Maggio 02, 2006

Consigli e ricette di uno chef Descrizione: Nuov...

Le ricette del mese

Sandwich di alici all’arancia con carciofi

Sandwich di alici all’arancia con carc…

05-04-2020 Secondi

Ingredienti per 4 persone: 1 arancia, 400 g di...

Carpaccio di carciofi alle nocciole con citronette classica al profumo di zenzero e stabilizzata con lecitina

Carpaccio di carciofi alle nocciole con …

02-04-2020 Antipasti

Ingredienti per 4 persone: Per la citronette clas...

Vinaigrette classica all’erba cipollina e stabilizzata alla senape

Vinaigrette classica all’erba cipollin…

30-03-2020 Conserve e Salse

La versione di vinaigrette classica rimane stabile...

banner