Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jul 05, 2020 Last Updated 10:00 PM, Jun 30, 2020

Le guide di Natura e Salute

È un libro molto interessante che porta a vedere il rapporto con il nostro peso e il nostro benessere da un punto di vista diverso.
Diverso perché intanto spinge a riflettere con una buona documentazione al seguito sui fattori di assimilazione del cibo da parte dell’organismo e su come questi influenzano l’attività organica inducendo o meno ad accumulare peso, grassi, tossinee elementi di incentivazione allo sviluppo di diverse patologie moderne.

In particolare, però, la parte più attraente del modello di alimentazione proposto è il distacco liberatorio dal concetto di peso ossessivo degli alimenti, da tabelle con indicazioni di calorie rigide da non superare, dalla condizione di quasi ossessione sui calcoli tipici di molte altre diete.
E questa è già di per se una sostanziale novità e positività che il concetto di attenzione al metabolismo si porta con se liberando la mente da gabbie comportamentali spesso più nefaste dello sbaglio alimentare stesso.

La parte prima è quella più degna di nota, ben scritta e ben spiegata ci porta a capire meglio come esistono più tipi di metabolismo in base ai diversi soggetti umani, come è possibile distinguerli e individuare il proprio segnalando con correttezza le metodologie e i loro costi.
Segnala poi le alterazioni che possono modificare il metabolismo come le intossicazioni alimentari, l’inquinamento, lo stress e l’alterazione della flora batterica (troppo sottovalutata in generale).

Molto interessante e chiaro è il capitolo sulle intolleranze alimentari dove vengono illustrate nei dettagli le diverse forme, dalle intolleranze vere e proprie, alle allergie passando per le pseudo allergie, le ipersensibilità e le reazioni tossiche.
Il concetto chiave e la linea che unisce i vari punti è il ruolo del metabolismo intermedio, di come si differenzia da lento, neutro e veloce, di quali sono le sue peculiarità, di come adottare la dieta in base a questi elementi variando la rigidità applicativa in base ai risultati che è necessario raggiungere.
Sicuramente il libro è consigliabile per tutti coloro che hanno provato senza successo diete passate, la questione qui è affrontata in maniera diversa e il fatto che non sia necessario pesare e preoccuparsi delle dosi è un fattore non di secondo piano.

Ma il volume è anche interessante per chi vuole documentarsi e vedere da un altro punto di vista la questione alimentare e le sue tante particolarità.
Se un appunto è da fare è sulla seconda parte dove spesso le ricette proposte non sono sembrate proprio azzeccate in pieno, ma su questo poi ognuno può trovare i correttivi che meglio ritiene opportuni.

Di seguito la descrizione che accompagna ufficialmente il libro

Chi è in sovrappeso, ha provato tante diete, le segue scrupolosamente ma non riesce a eliminare il peso superfluo, probabilmente non sta prendendo in considerazione il “fattore metabolico”. Invece seguendo una dieta adatta al proprio tipo di metabolismo, si possono ottenere ottimi risultati anche dal punto di vista del benessere psico-fisico, inteso nel senso più ampio del termine.

Certo, occorre tenere bene in mente alcune piccole regole che, se correttamente applicate, rendono la metodica importante nel trattare il sovrappeso e l’obesità, oltre ai benefici che se ne possono trarre a livello sia fisico che mentale. Il libro contiene anche un questionario per stabilire il proprio tipo metabolico, gli schemi dietetici e numerose ricette.

Acquista il libro on-line

Cucina appetitosa per la celiachia

Lo abbiamo letto con interesse, ci sono spunti e indicazioni utili anche per chi in cucina ha già una buona esperienza.
Almeno i 4/5 del libro sono riservati alle ricette e il maggior pregio che abbiamo riscontrato è il largo spazio lasciato a quelle preparazioni che per un celiaco sono in genere il più grosso rimpianto tra tutte le rinunce alimentaria cui deve andare incontro.

Parliamo ad esempio del pane, delle focacce, della pizza , di tanti dolci, torte, pasticcini che in apparenza non possono essere più fatti e consumati e che invece, trovata la soluzione tecnica giusta, sono tranquillamente alla portata anche di chi deve rinunciare a usare la sostanza glutine all’interno della propria dieta.
Un aspetto che consideriamo importante perché una cucina “senza” non è affatto una cucina priva di gusto e soddisfazioni come in tanti pensano.
Anzi paradossalmente spesso il togliere è un elemento di stimolo così forte da spingere a creare soluzioni nuove, buone, attraenti, originali e molto altro.
Tanto che succede tranquillamente che ricette e piatti creati per chi deve rinunciare a una determinata sostanza si rivelano talmente buoni da conquistare anche chi da quella sostanza non ha nulla da temere.

Succede non solo per la celiachia, ma anche per chi deve combattere il diabete e ad esempio rinunciare ai classici dolcificanti, per chi soffre di ipertensione e deve abbandonare il sale, per chi dovendo contrastare il colesterolo alto deve rinunciare o circoscrivere molto determinati grassi.

La celiachia può essere vissuta, quindi, con tanto gusto e soddisfazione e questo è uno dei tanti libri che certificano nei fatti questa considerazione.
Bisogna dire però, ma questo non è un difetto imputabile solo a questo libro, che probabilmente bisogna migliorare ancora la qualità nutrizionale delle ricette.
L’errore più frequente è quelle di non prestare abbastanza attenzione alla qualità e quantità dei grassi usati, ai tipi di cottura prescelti, alle dosi di sale e dolcificanti in generale.
È capibile perché per un celiaco riuscire a ritrovare gusto e passione per il cibo è il primo obbiettivo e già raggiungerlo sembra tanto, ma bisogna andare oltre questo prima tappa del percorso.

Trovate il libro in vendita qui, se invece volete avere un idea dei piatti presenti a questo indirizzo trovate anche una delle ricette presenti nel libro.
Di seguito la presentazione ufficiale.

La diagnosi della celiachia, l'intolleranza al glutine, lascia inizialmente molto disorientati, perché il glutine si nasconde non solo nei cereali, ma anche nei prodotti confezionati, nei condimenti e nei farmaci.
L'attenta lettura dell'elenco degli ingredienti diventa un'esigenza fondamentale. Questo libro propone menu e proposte alimentari senza glutine, ma altrettanto ricche di sapori e colori.

Ricette invitanti per tutta la famiglia
- 80 ricette senza glutine per ogni giorno: gustosi piatti adatti a tutta la famiglia e anche agli ospiti;
- Suggerimenti pratici: risposte alle domande più frequenti per seguire una dieta priva di glutine;
- Guida all'acquisto degli alimenti: vasta rassegna degli alimenti che contengono o possono contenere glutine e dei cibi che invece ne sono sicuramente privi;
- Suggerimenti per mangiare fuori casa: che cosa acquistare e mangiare mentre si è in viaggio, da amici o al ristorante.

Acquista il libro on-line

Le guide di Natura e Salute

L’indice glicemico è diventato un parametro importante per valutare nella sua completezza la qualità della dieta seguita e le conseguenze che scelte errate possono portare.
Inizialmente strettamente legato alle problematiche inerenti il diabete, questo indice ha via via esteso il suo ambito perché è di fatto un’ottima sentinella che segnala anomalie funzionali di grande importanza.

Allo stesso tempo ha avuto il merito di mettere nella giusta evidenza il ruolo super positivo di una lunga serie di alimenti integrali, del ruolo delle verdure integralmente consumate, dei danni causati da un eccesso di zuccheri ingeriti e molto altro.
Capita però spesso che venga citato a sproposito o per secondi fini poco intonati al suo reale significato, per questo è necessario conoscere bene cosa significa “indice glicemico”.

Un modo affidabile può essere quello di consultare libri ben scritti che di questo tema sanno dare le corrette coordinate alimentari.
È il caso del libro in oggetto che cerca di aiutare a capire tramite un linguaggio semplice ed elementare la problematica glicemica basandosi su studi seri e affidabili e soprattutto contando sulla supervisione di esperti della materia, come il Dottor Franco Berrino.

Il libro si apre affrontando subito la questione zuccheri, non demoni nella loro totalità, ma nutrienti da capire e saper consumare con cognizione di causa in base a mille variabili diverse e soprattutto in relazione alla singola fisiologia individuale.

Si prosegue poi con una corretta analisi sui principali nutrienti di cui sono composti gli alimenti, su cosa porta a diventare grassi e sulla qualità funzionale dei diversi grassi alimentari, sul ruolo del glucosio nel sangue, su fibre, vitamine, Sali minerali e la fondamentale acqua.

Ci sono anche una serie di piccole pillole di saggezza dietetica e naturalmente una lunga serie di ricette a corredo, con un’analisi precisa di cosa le diverse portate dovrebbero avere per arrivare a controllare con correttezza l’indice glicemico.

Di seguito la nota ufficiale che accompagna il libro

Il metodo per togliersi di dosso in modo duraturo il grasso di troppo esiste ed è abbastanza semplice: bisogna imparare a mangiare cibi che non facciano ingrassare e farne una regola di vita per la linea e la bellezza e, soprattutto, per la salute.

L'alimentazione deve essere a base di cereali, soprattutto integrali, legumi, verdura, olio d'oliva, frutta, cui si possono aggiungere pesce, carne bianca e un po' di latticini (soprattutto quando si è giovani), talvolta, se si desidera, carne rossa e, più raramente, dolciumi, soprattutto se industriali.
Il tutto con poco alcol, molta acqua e l'indispensabile movimento.

Questo tipo di alimentazione ha il vantaggio di essere "a basso indice glicemico", cioè di mantenere basso il livello di glucosio nel sangue e di conseguenza anche quello dell'insulina, proteggendo sia dal sovrappeso sia dalle patologie del benessere.
Ispirato agli insegnamenti di Michel Montignac e confortato dall'esperienza del dottor Franco Berrino, un testo agile e pratico che aiuta a scegliere l'alimentazione più salutare senza rinunciare al gusto.

Acquista il libro on-line

Supera la tempesta con saggezza

La recensione di questo libro in apparenza poco intonato con gli argomenti abitualmente trattati nel contesto del portale non può che partire da un cameo liberamente tratto dal volume.

..... Per riuscire ad aiutare gli altri dobbiamo avere almeno un po' di calma, un po' di gioia, un po' di compassione ..... le otterremmo praticando la consapevolezza meditativa ..... non è solo nella stanza meditativa che possiamo dedicarci a questa pratica ..... possiamo praticarla anche in cucina ..... è qualcosa cui dovremmo dedicarci ogni giorno ed è possibile farlo mentre svolgiamo tutte le nostre attività quotidiane .....

Ecco così che torniamo a riaffermare, grazie a questo libro, come la cucina sia tutto e tutto serva a saper ben cucinare, servono il confronto, l'apprendimento, la capacità di capire come il "fare della cucina" sia anche un fare meditativo che aiuta a superare le tante difficoltà della vita oltre a godersela attraverso il gusto organolettico.

Può servire anche a superare le paure? Certo perché è un ottimo campo di prova e sperimentazione che grazie all'aiuto dell'energia positiva degli alimenti ci porta a toccare confini lontani confrontandoci con l'operatività pratica di un bellissimo mestiere artigianale, come tutti i mestieri artigianali.
Come si intuisce dal titolo il tema del libro è la paura e l'intento è insegnare a superarla trasformandola da forza negativa a forza positiva.

Ma la vera protagonista è la consapevolezza, una consapevolezza del qui e ora molto profonda che può portare a cogliere moltissime cose che generalmente ci lasciamo sfuggire vivendo nel passato o proiettandoci inutilmente nel futuro, in ogni caso non contemplando minimamente il presente.
Essere consapevoli è indispensabile per superare le paure e lo è anche per essere un bravo cuoco, come un bravo medico e così via, di fatto un passo essenziale per provare a migliorarsi sempre.
Ecco l'utilità vera di questo libro che si legge agevolmente e in maniera chiara inducendo a un'ampia riflessione delle personali dinamiche di vita.
Per essere bravi cucinieri la formazione è necessaria a 360 gradi e molto si può imparare anche leggendo libri di questo tipo evitando di fermarsi alle apparenze e alle proprie presunzioni.

Acquista il libro on-line

Natura e Salute

Il libro è uno sguardo ampio e complesso sui molti fattori che possono favorire la longevità e fermare, o meglio rallentare con saggezza, l’invecchiamento precoce a cui molte persone vanno rapidamente incontro senza apparenti motivi.

Frutto di studi di diverso tipo tutti accumunati dalla ricerca delle cause che portano all’alterazione delle normali funzioni vitali dell’organismo si pone l’obbiettivo di spiegare le dinamiche che portano all’invecchiamento, i fattori che ne possono, al contrario, rallentare l’avanzata, le strategie per mantenere intatta la propria salute globale.

In questa ottica l’alimentazione, come si può ben immaginare, ricopre un ruolo cruciale essendo una costante quotidiana con cui dobbiamo confrontarci sempre e comunque.
Quanto incide sulla longevità e sul buon operare dei geni che abbiamo dentro? Sicuramente tanto e per chiarire ecco un estratto dal libro che evidenzia bene il ruolo del cibo:

alcuni alimenti sono in grado di attivare determinati geni, portandoli a trasmettere l’informazione di cui sono portatori.

Come è possibile? Gli studi più recenti hanno portato molti ricercatori alla convinzione che, utilizzando delle sostanze in grado di modificare l’espressione (la trasmissione d’informazione) dei geni, è possibile alterare il corso di malattie geneticamente determinate. In questo modo, la dieta e alcuni nutrienti possono essere utilizzati per modificare l’espressione dei geni, con l’obbiettivo di migliorare lo stato di salute e ridurre i sintomi dell’invecchiamento

In poche parole nel libro si sostiene con convinzione che malgrado siamo geneticamente determinati verso alcune alterazione funzionali esistono precisi fattori, appunto anche (se non soprattutto) l’alimentazione, che possono contrastare e anche modificare in positivo una tendenza in apparenza irreversibile.

Nel complesso un testo interessante che accende molte riflessioni sul nostro stile di vita e sulle tante cose che possiamo fare senza attendere che siano poi gli altri a “tirarci fuori dai guai” in cui ci siamo messi con il nostro agire e scegliere inconsapevolmente.

Oltre all’autrice, che ha curato gran parte della stesura, nel libro ci sono gli interventi di numerosi studiosi di diverse discipline che arricchiscono di conoscenza e punti di vista diversificati i temi legati all’invecchiamento e longevità.
Di seguito la nota informativa che accompagna l’utile libro, qui invece trovate l’indirizzo per acquistare comodamente da casa il volume.

Partendo da una serie di recentissime ricerche altamente innovative nella genetica, integrate da osservazioni su centinaia di ultracentenari in varie parti del mondo, il libro svela la chiave per fermare l’invecchiamento e spiega come modificare il proprio stile di vita ispirandosi a quello degli ultracentenari. In questi anni l’autrice ha analizzato i dati degli uffici anagrafe di alcuni comuni d’Italia, cercando poi di capire come mai alcune persone residenti in particolari aree geografiche limitrofe, aventi anche un Dna similare, potessero vivere fino al 30% più a lungo rispetto alla media nazionale.

Per approfondire ulteriormente il tema, Maddalena Galliani ha trascorso un lungo periodo a Okinawa, dove vive la comunità più longeva al mondo, cercando di venire a conoscenza dei loro segreti sia dietetici sia comportamentali. Tutti gli studi condotti hanno portato l’autrice ad identificare alcune interazioni importanti tra Dna, stile di vita e longevità.

Acquista il libro on-line

Ultimi articoli

Noci: vero elisir per la pelle

Noci: vero elisir per la pelle

13-06-2020 Mangiare sano

Le noci vantano un lunghissimo elenco di sostanze ...

Lo zenzero, il ginger degli inglesi

Lo zenzero, il ginger degli inglesi

04-06-2020 Spezie

Lo zenzero è una spezia fortemente radicata nella...

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavola

Ravanelli, la croccante sorpresa in tavo…

27-05-2020 Mangiare sano

Anche se le dinamiche di mercato ci fanno trovare ...

Libri in Primo Piano

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Ottobre 01, 2016

Le guide di Natura e Salute La riscossa dei cerea...

Cucina mediterranea senza Glutine

Cucina mediterranea senza Glutine

Ottobre 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: La celi...

Senza Sale

Senza Sale

Marzo 14, 2020

Scoprire vere e proprie emozioni di gusto grazie a...

Le ricette del mese

Quinoa, carote e pistacchi con dressing di cannellini in agrodolce

Quinoa, carote e pistacchi con dressing …

30-06-2020 Primi

Pur non essendo un vero cereale la quinoa ormai è...

Ciliegie profumate all’anice stellato con salsa di lamponi, menta e cioccolato bianco

Ciliegie profumate all’anice stellato …

23-06-2020 Dolci e Dessert

Due frutti di origine diversa ma accomunati dalla ...

Pasticcini di pomodori alle nocciole con mousse di zucchine allo zenzero

Pasticcini di pomodori alle nocciole con…

19-06-2020 Antipasti

In questa sequenza di 5 ingredienti principali pi...

banner