Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

May 25, 2022 Last Updated 9:16 AM, May 24, 2022

L’anima mediterranea abbraccia la biodiversità del Garda

Lo chef Giuseppe Capano è stato invitato in un recente libro scritto da Luigi Caricato a presentare un menu completo teso alla valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva Garda DOP, un olio dalla lunga tradizione che abbraccia 3 regioni e 4 provincie confinanti.

Il libro è un “viaggio sentimentale, sensoriale e gastronomico alla scoperta degli extra vergini Dop Garda” e vale la pena leggerlo perché la scrittura di Caricato lo rende affascinante e pieno di spunti interessanti e coinvolgenti sull’uso e l’anima sublime dell’olio d’oliva non solo per quanto concerne il mondo gastronomico.

Visita il sito www.olioofficina.it

Lo chef ha accolto ben volentieri l’invito e ha pensato di creare alcune ricette tese a valorizzare questo particolare olio e allo stesso tempo rendere omaggio alla terra che lo ha ospitato in questi ultimi anni.

Così ha messo sul piatto, tanto per restare in termini culinari, alcuni dei prodotti di maggior interesse figli del territorio Trentino, con un occhio di riguardo alla produzione biologica di questa regione, incrociandoli con un uso consapevole e innovativo dell’olio.

Sono nati 5 piatti che della tradizione conservano solo alcuni dettagli per presentare invece una nuova visione di quello che potrebbe essere in futuro un diverso e più moderno modo di valorizzare prodotti e cultura a marchio Trentino.
Ecco le ricette e le belle foto che le accompagnano.

Acquista il libro on-line

Le ricette

Broccolo di Torbole con olio d’oliva all’alloro, mela, lattughino, noci e grana Trentino

broccolo torbole olio alloro mela lattughino noci grana trentino

Lavare e asciugare la foglia di alloro, tritarla grossolanamente e mescolarla con 2 cucchiai abbondanti di olio d’oliva, mondare il broccolo dividendole in cimette piccole e uguali, lavarlo, disporlo in un cestello per la cottura a vapore e cuocerlo per 7-8 minuti circa conservandolo croccante.
Nel frattempo sgusciare le noci e tritarle grossolanamente insieme alle foglie di prezzemolo lavate e asciugate, ridurre in sottili scaglie il grana trentino.
3. Scolare e lasciare intiepidire le cimette di broccolo, condirle con l’olio all’alloro filtrato e un pizzico di sale.

Leggi la ricetta

 

Tagliatelle autunnali con olio d’oliva profumato alle erbe

tagliatelle autunnali olio oliva profumato erbe

Con le due farine, le uova, un pizzico di sale e poca acqua formare l'impasto lavorando a lungo gli ingredienti fino a ottenere una pasta dal colore uniforme e mediamente morbida, coprirla e lasciarla riposare per almeno 60 minuti.
Sfogliare il rosmarino e lavarlo insieme alle foglie di salvia asciugando bene le due erbe aromatiche, sbucciare l'aglio e tritarlo finemente insieme a rosmarino e salvia, mettere il trito in un pentolino insieme a 5 cucchiai d'olio d'oliva, scaldare il battuto per 15 minuti circa a bagnomaria in modo che le erbe rilascino gli aromi senza alterare troppo la composizione dell’olio.

Leggi la ricetta

 

Involtini di carne salada profumati d’olio e sedano con porri della Val di Gresta marinati al patè di olive

involtini carne salada olio sedano porri val gresta marinati pate olive

Mondare i porri e incidendoli per il lungo con un coltello sfogliarli e lavarli con cura.
Lessare le foglie di porri in acqua bollente salata per 2-3 minuti mettendole poche per volta, scolarle con una schiumarola, intiepidirle e tagliarle in lunghe striscioline.
Condirle con il patè di olive nere, il prezzemolo, il succo del limone (da dosare secondo i propri gusti), le foglie di alloro, le bacche di ginepro, un pizzico di sale, 2-3 cucchiai di olio e pepe bianco macinato al momento, mescolare con cura e lasciare marinare per 1 ora.

Leggi la ricetta

 

Sformatini di pesce di lago con olio al limone e funghi porcini trifolati

sformatini pesce lago olio limone funghi porcini trifolati

Lavare e lessare le patate per 15 minuti circa, lavare e tagliare in piccoli pezzi il pesce, lavare le foglie di alloro, imburrare e cospargere di pangrattato 4 stampini da forno.
Sbucciare le patate cotte, schiacciarle, metterle in una pentola insieme al merluzzo, le foglie di alloro, un pizzico di sale e il latte, cuocere il tutto a calore medio basso per 10 minuti e far intiepidire.
Togliere le foglie di alloro, aggiungere le uova sbattute con poco sale e pepe, mettere negli stampini e cuocere nel forno caldo a 175 gradi per 25-30 minuti circa.

Leggi la ricetta

 

Crostatine di castagne all’olio d’oliva e vin santo con crema di mele profumata all’olio d’arancia

crostatine castagne olio oliva vin santo crema mele

Lavare i marroni, con un coltellino inciderli leggermente senza intaccare troppo la polpa interna, metterli nel congelatore per 30 minuti, trasferirli in abbondante acqua bollente e lessarli per 25 minuti circa.
Frullare o tritare finemente le nocciole, disporre le due farine setacciate insieme al lievito a fontana su una spianatoia, aggiungere lo zucchero, le nocciole frullate, l’uovo, 2-3 cucchiai di olio d'oliva e un pizzico di sale. Mescolare bene il tutto versando il solo vin santo sufficiente a ottenere un composto liscio ed omogeneo, da coprire e lasciare riposare per almeno 30 minuti.
Sbucciare le mele, affettarle, cuocerle con lo zucchero a velo e le bacche di ginepro per 10 minuti, lavare l’arancia, asciugarla e grattugiare 1 cucchiaino della buccia, mescolarla con 2 cucchiai d’olio d’oliva, frullare le mele cotte private del ginepro e aromatizzarle con l’olio all’arancia.

Leggi la ricetta

Una ipotesi su come affrontare il problema con molti aspetti discutibili.  

Il problema del cancro è molto serio e in molti si adoperano per trovare strade di aiuto o fornire soluzioni che per quanto parziali cercano di alleviare il trauma di chi vive la malattia.
Questo libro cerca di fare proprio questo e la partenza è nobile e stimolante grazie a un titolo chiaro e promettente, anche se già dal sottotitolo qualcosa sembra non quadrare.

Il team che lo ha scritto, quattro autori tedeschi, è di tutto rispetto e vanta al suo attivo esperienze diversificate e allo stesso tempo intrecciate con la problematica tumorale.
Gli autori hanno scelto di semplificare l'approccio al problema stilando una serie di 8 regole con l'obbiettivo di riportare in sintonia l'organismo e aiutarlo a prevenire o combattere la degenerazione tumorale.

Il presupposto è strettamente storico, ci si riferisce con ridondanza ai geni primordiali, cioè a quando l'uomo viveva ancora allo stato semi selvaggio e doveva affrontare situazioni ambientali e di sopravvivenza oggi del tutto cambiate.

Da qui si parte per dare per scontato la natura onnivora dell'uomo, la sua predilezione per il consumo di grandi quantità di carne e pesce (proteine e grassi), l'assenza pressoché totale di zuccheri (come li conosciamo oggi noi nella loro vasta estensione che comprende anche le banali farine), il ruolo marginale di frutta e verdura.
Tutti elementi giudicati positivi dagli autori nel senso di intonati e in sintonia con la natura fisica, organica e metabolica dell'uomo.
Una natura che giudicano oggi messa a repentaglio da un sistema di vita e alimentazione completamente diverso e completamente sbagliato.

E in queste poche considerazioni possiamo racchiudere i concetti espressi nel volume che mescola indicazioni corrette e sagge con supposizioni ardite.
Le otto regole enunciate sono così divise:

  1. usare gli zuccheri giusti;
  2. scegliere grassi e oli sani;
  3. fare il pieno di proteine animali;
  4. mangiare vegetali in abbondanza;
  5. rimanere esposti alla luce il più a lungo possibile;
  6. muoversi il più possibile;
  7. curare l'equilibrio psichico;
  8. dormire sano e per il tempo necessario.

Di per se le regole sembrano sensate e logiche a parte forse la terza in cui si inneggia alla moda del pieno di proteine, ma leggendo le singole direttive si trovano numerose contraddizioni.
L'impressione dopo la lettura completa è quella di un inno alle abitudine alimentari del nord Europa e un attacco abbastanza chiaro alle abitudini di stampo mediterraneo.

Per chi si occupa di alimentazione, salute e prevenzione è ovvio che nessuna delle due abitudini nasconde in se la perfezione, ma certo stride molto questo inno inconsulto al mito delle proteine e la ricerca spasmodica di oli stravaganti (sicuramente sani, non è questo in discussione) quando si ha a disposizione uno dei migliori grassi in assoluto, l'olio da olive.
Questo giusto per fare un esempio delle "stranezze" espresse nel volume.

Che rimane comunque interessante da leggere perché fornisce oggettivamente consigli sensati e utili.
Aiutando allo stesso tempo a riflettere su come le personali interpretazioni di un autore (ad esempio la sicurezza assoluta che gli uomini primordiali seguivano proprio quel tipo di alimentazione) possono portare a ipotizzare suggestive teorie alimentari.

Per l'acquisto e approfondimenti:

http://www.tecnichenuove.com/le-8-regole-anticancro.html

Un utile manuale sulla sana alimentazione

È un libro gioioso che aiuta con il percorso dei colori a capire in profondità il ruolo strategico che un alimentazione protettiva e preventiva può avere per la nostra salute e come può incidere rispetto a malattie e disfunzioni.
Il filo del discorso ruota intorno al numero cinque, in questo caso un numero magico anche se nel libro si parla di dati scientifici concreti, tangibili, dimostrabili, non di magia e ne tanto meno di opinioni e teorie.
Cinque come le porzioni di frutta e verdura che come minimo, ribadiamo come minimo, dovremmo assumere giornalmente, cinque come i colori principali in cui sono raggruppati frutti e ortaggi di stagione.

E i capitoli principali del libro seguono proprio questo percorso, si inizia con il colore rosso (fragole, lamponi, peperoni, pomodori, ecc), per arrivare al giallo arancio (mandarini, limoni, carote, zucca, ecc), poi il bianco (mela, pera, aglio, finocchio, ecc), poi il verde (kiwi, asparagi, zucchine, fagiolini, ecc) e per finire il viola nero (mirtillo, uva, melanzane, cavolo viola, ecc).
Per ogni alimento c'è una ricca scheda che fornisce i dati salienti sulle virtù nutrizionali, sul ruolo preventivo, sulle capacità di regolazione delle funzioni interne all'organismo e quando accertato anche sugli aspetti più strettamente curativi.

Oltre a questo ci sono alcune indicazioni alimentari sull'uso dell'alimento e a volte vere e proprie ricette in sintesi che possono aiutare a trovare da subito un applicazione pratica in cucina.

Prima di tutto questo percorso vengono esaminate alcune delle sostanze più potenti che grazie all'alimentazione possiamo assimilare: carotenoidi, flavonoidi, composti dello zolfo, clorofille, antocianine e tannini.
Nomi magari per alcuni un po' strani e bizzarri, ma che hanno un forte legame con gli alimenti che consumiamo o dovremmo consumare come forse è meglio dire!

E proprio su questo, cioè su quello che dovremmo consumare guidati dalla logica conoscitiva e non dalla pigrizia, dai preconcetti, dalla pubblicità, dagli interessi commerciali di produttori a cui poco importa della salute delle persone, su questo il buon Fabio Firenzuoli insiste e insiste dimostrando una lungimirante strategia educativa.
Un libro prezioso dunque o come dice il sottotitolo un "manuale che insegna (non solo ai ragazzi) la sana alimentazione con i 5 colori della frutta e della verdura".
Un obbiettivo pienamente centrato!
Di seguito la presentazione ufficiale, per acquistare il libro e avere altre informazione potete comodamente andare qui.

Descrizione

Mangiare a colori frutta e verdura significa apprezzarne il gusto ma anche averne compreso l'importanza. Ecco allora questo manuale che Fabio Firenzuoli ha scritto con la collaborazione del figlio Cosimo, utilissimo a scuola e in famiglia per imparare a conoscere e godere delle virtù degli ortaggi e della frutta, attraverso i loro pigmenti colorati (antocianine, carotenoidi, flavonoidi, isotiocianati o clorofille), tetto protettivo per la nostra salute, contro i rischi delle malattie più gravi, i danni da radicali liberi, fumo, inquinamento e stress. Perché mai, dovremmo acquistare una volta del cavolo bianco, una volta verde e una volta nero o... viola? Lo scoprirete strada facendo!

La prima parte del libro descrive le caratteristiche dei vari pigmenti e la loro importanza per il nostro benessere.

La seconda parte del libro invece è divisa in pagine, raggruppate per colori, con le schede dei singoli frutti e ortaggi: caratteristiche e proprietà, curiosità e tradizioni e, soprattutto, ricette e trucchi per renderli più accattivanti.

Acquista il libro on-line

Le guide di Natura e Salute

Il volume presentato in questa occasione non è esattamente un libro di cucina, ma riteniamo  possa essere molto interessante per tutti coloro che per qualsiasi motivo vogliono orientarsi all’uso di prodotti naturali (semplicemente i normali prodotti puri che si acquistano tal e quali), per risolvere le mille incombenze che la gestione di una casa comporta.

Ma non è solo una questione di gestione spicciola e di soluzione pratiche da trovare, dietro il libro si nasconde un messaggio chiaro e ammirevole di eco sostenibilità globale.

Una sostenibilità che per quanto possa sembrare poco attinente è proprio dalle piccole e grandi scelte fatte in casa propria che può diventare fulcro di cambiamenti importanti.

Ne parliamo volentieri perché nel libro si racconta del nuovo ruolo che alimenti presenti in una cucina e indirizzati generalmente alla preparazione dei piatti possono svolgere per contribuire alla gestione naturale di una casa.

Come nei due esempi che citiamo tratti dal libro, diciamo un nuovo modo di vedere l’amido e il sale.

Amido: ...a parte l’uso alimentare per addensare, serve anche per le operazioni di pulizia. Aggiunto all’acqua aiuta a mantenere in sospensione le particelle di sporco durante il lavaggio e ad ammorbidire i tessuti. Qualunque amido alimentare (frumento, mais, riso) va bene, purché in polvere. È possibile usare l’acqua di cottura della pasta ricca di amido per lavare i piatti. L’amido si usa anche per inamidare colli e polsini delle camicie durante la stiratura..."

Sale da cucina: ...il sale (cloruro di sodio) è un blando disinfettante poiché crea un ambiente inadatto a molti tipi di batteri. Esercita inoltre un’azione delicatamente abrasiva sulle superfici. Mescolato all’aceto è un ottimo prodotto per la pulizia delle superfici metalliche di diversa natura: piani di acciaio, pentole di rame, vassoi di argento, vasi di ottone, ecc..."

La descrizione dell’uso del sale continua interessante, qui volevamo solo dare una idea dei contenuti del libro che potete trovare comodamente in vendita qui.
Per finire vi lasciamo la presentazione della quarta di copertina che spiega in poche righe ancora meglio il contenuto del libro.

Che cosa possiamo fare in casa nostra, per ridurre l’inquinamento e il consumo di energie e di risorse del pianeta? È l’argomento di questo libro in cui l’ecologia si applica alla gestione quotidiana della casa: dalle pulizie agli accorgimenti per diminuire i consumi idrici ed energetici. Oltretutto consumare meno energia e acqua comporta anche un risparmio economico, senza rinunciare al comfort a cui siamo abituati.

E questo vale per molti altri temi di cui si parla in queste pagine, dal bere l’acqua del rubinetto all’usare i nuovi pannolini lavabili per i bambini. Per una maggiore facilità di lettura, il libro è organizzato per ordine alfabetico dalla A di “Acari” alla Z di “Zerbino”. Alcune voci come quelle sul risparmio energetico e sui rifiuti sono più corpose, altre più essenziali. Al termine del volume vi sono alcune ricette per detersivi e detergenti domestici non inquinanti, a base di ingredienti facilmente reperibili come l’aceto, il bicarbonato o il sapone di Marsiglia.

Acquista il libro on-line

Come organizzare e allestire feste, incontri e merende curando ogni aspetto di cucina.  

Ritorna con questa quarta uscita l'appuntamento con il Cucchiaino d'Argento, una serie di volumi dalla grafica accattivante che affrontano temi spesso interessanti e potenzialmente molto utili per gli stessi bambini e ancora prima per i loro genitori.

Qui il tema è certamente attraente perché si occupa e preoccupa di affrontare un momento importante della vita dei bimbi, le feste a loro dedicate, che se portato a buon fine può lasciare un impronta positiva e accrescitiva della dimensione evolutiva dei piccoli, un qualcosa che spesso si portano dietro nei ricordi negli anni a venire.
Per questo l'organizzazione di compleanni, feste, party, semplici ritrovi per festeggiare una vittoria o altro può creare più ansia in chi la organizza, i genitori o i parenti più stretti, che nei bambini stessi ai cui occhi tutto sembra facile e semplice.

E il libro in questione viene prontamente in aiuto suggerendo, consigliando, illustrando e spiegando nei minimi dettagli molti trucchi e segreti per allestire al meglio ogni aspetto e impostare un organizzazione preventiva che consente di vivere il meno faticosamente possibile tutto il lavoro.

Che è spesso impegnativo soprattutto quando il numero dei piccoli coinvolti non è circoscritto e serve decisamente un aiuto pratico e ricco di spunti creativi.
E non si parla solo di cibo nel volume, ad esempio si affronta anche l'aspetto del gioco, degli inviti scritti o costruiti in maniera originale, degli addobbi vari, dei regalini magari mangerecci da offrire, delle bevande fatte da se, dell'allestimento dei tavoli con colori e forme dalle tinte vivaci e così via.
Insomma un po' tutto quello che potrebbe servire in circostanze come queste, raccolto in un unico e colorato libro.

Tutto questo piace molto, ma scorrendo le pagine del libro l'iniziativa e l'idea è anche sembrata un occasione sprecata.

Nulla di gravissimo, però il vedere ricorrere massicciamente a ingredienti pieni di coloranti, dalla precaria composizione nutritiva spesso molto squilibrata, con presenza di grassi poco salubri, con poca attenzione alla stagionalità degli alimenti non ci ha soddisfatto e lasciato meno contenti di quanto speravamo.

Anche perché siamo convinti che le alternative naturali e salutari ci sono, sarebbe bastato uno sforzo di ricerca e creazione maggiore.

Di seguito in sintesi la scheda di presentazione ufficiale del volume

IL CUCCHIAINO D'ARGENTO - "Feste sfiziose per bambini" - vol. 4
Come preparare inviti, giochi, addobbi e 100 irresistibili ricette per allestire un buffet, una semplice merenda, una cenetta con gli amici o un party all'aperto
Il compleanno, la recita di Natale e il saluto di fine anno scolastico, una domenica speciale da passare con gli amici più cari, le prime"serate da grandi" organizzate in casa con i compagni del corso di nuoto o i nuovi amici incontrati in vacanza. Nella vita di un bambino ci sono tante occasioni per stare insieme e divertirsi.
E bastano una torta golosa, un vassoio di pizzette e una caraffa di frullato per trasformare questi momenti in eventi indimenticabili.

"Feste sfiziose per bambini", 4° volume della collana Il Cucchiaino d'Argento di Editoriale Domus, suggerisce a mamme e papà come organizzare feste semplici ma divertenti, con inviti, giochi, travestimenti, regalini per i partecipanti e 100 nuove, irresistibili ricette dolci e salate di sicuro successo, studiate apposta per essere belle da vedere, buone da mangiare e veloci da realizzare. Tutte spiegate passo per passo, con più di 100 illustrazioni e con note che spiegano i passaggi più impegnativi.
Torte di compleanno e crostatine, cupcakes e muffins, tartine e tramezzini, ma anche primi, secondi e bevande per una cena fra amichetti sono spiegati passo per passo, con foto e note dedicate ai passaggi più impegnativi, per facilitare il compito di chi vuole realizzarli e regalare ai propri bambini una festa indimenticabile.

Per l'acquisto e approfondimenti:
http://www.facebook.com/cucchiaio.it

Acquista il libro on-line

Ultimi articoli

Il gustoso e sano bulgur: caratteristiche e usi in cucina

Il gustoso e sano bulgur: caratteristich…

11-05-2022 Mangiare sano

Conosciamo meglio l’ottimo bulgur un prodotto ve...

Più erbe e spezie meno pressione

Più erbe e spezie meno pressione

03-05-2022 Ipertensione

Una generosa presenza e il relativo uso abbondante...

Tecnica di cucina: roux e combinazioni addensanti

Tecnica di cucina: roux e combinazioni a…

24-04-2022 Alimentazione

Quando si tratta di addensare dei liquidi per i va...

Libri in Primo Piano

La Cucina con la Frutta

La Cucina con la Frutta

Maggio 01, 2006

Le guide di Natura e Salute Descrizione: L'impor...

Semplicità in cucina

Semplicità in cucina

Maggio 17, 2019

Cucinare è sempre una bellissima esperienza, cons...

Prevenire il Colesterolo

Prevenire il Colesterolo

Gennaio 01, 2008

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il cole...

Le ricette del mese

Orzo, aglio e peperoncino con fagiolini, olive nere e pomodori

Orzo, aglio e peperoncino con fagiolini…

24-05-2022 Primi

Uno dei cereali che con il caldo risulta più grad...

Cacik turco rinfrescante all’aroma di menta

Cacik turco rinfrescante all’aroma di …

23-05-2022 Antipasti

La manciata degli ingredienti del cacik, una eccel...

Insaporitore granuloso speziato

Insaporitore granuloso speziato

20-05-2022 Conserve e Salse

Le spezie sono un elemento cardine per insaporire ...

banner