Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Aug 12, 2022 Last Updated 9:17 AM, Aug 12, 2022

Ingredienti per 4 persone

  • 1 grande peperone giallo,
  • 1 mazzetto di menta,
  • 2 carote medie,
  • 60 g di parmigiano,
  • 1 mazzetto piccolo di basilico fresco,
  • 3-400 g di uva nera o bianca,
  • 2 cucchiai di semi di girasole,
  • maggiorana secca,
  • olio extra vergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Pulire il peperone giallo, tagliarlo in piccoli cubetti e metterlo in una padella insieme a 1 cucchiaio abbondante di olio, un pizzico di sale e le foglie di menta intere, coprirlo e cuocerlo per 10 minuti scarsi bagnando con poche gocce di acqua se necessario.
  2. Pulire le carote, tagliarle in mezze rondelle o a cubetti e cuocerle a vapore per 10-15 minuti lasciandole leggermente croccanti, una volta pronte condirle con poco olio, sale e un pizzico di maggiorana secca.
  3. Dividere in sottili scaglie il parmigiano, pulire con cura il basilico, spezzettarlo finemente con le mani solo all'ultimo momento.
  4. Lavare l'uva, dividere ogni acino a metà e eliminare i semi mettendo il tutto in una grande ciotola con i peperoni privati della menta e le carote fredde.
  5. Unire un pizzico di sale, poco olio e il basilico spezzettato, distribuire in coppette o piatti e cospargere con le scaglie di parmigiano e i semi di girasole.

Ingredienti per 4 persone:

  • 50 g di mandorle sgusciate,
  • 200 g di farina bianca,
  • 1 cucchiaino raso di lievito in polvere per salati o cremortartaro,
  • 100 g di ricotta fresca,
  • 300 g di patate a pasta bianca,
  • 2 carote medio piccole,
  • 1 cucchiaino di prezzemolo,
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato,
  • 2 cucchiai di semi di papavero,
  • 12 foglie di indivia belga
  • 12 di radicchio rosso o anche foglie dell’insalata preferita,
  • miele di castagno,
  • curcuma in polvere,
  • latte,
  • marsala secco,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 foglie grandi di cavolo verza,
  • 250 g di pomodori pelati,
  • 3 spicchi d'aglio,
  • 250 g di ceci lessati,
  • 140 g di orzo perlato,
  • 100 g di parmigiano stravecchio 36 mesi in un pezzo unico,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare le foglie del cavolo verza e in abbondante acqua bollente scottarle per 5 minuti scarsi travasandole poi in un acqua fredda, conservare l'acqua di cottura.
  2. Pulire i pomodori pelati dai semi e tagliarli a filettini, sbucciare e tritare l'aglio, metterlo in una pentola per zuppe insieme a 4 cucchiai di olio e rosolarlo velocemente, aggiungere i pomodori e i ceci lasciando cuocere 5 minuti.
  3. Unire l'orzo sciacquato, insaporire brevemente, versare 1,2 l circa di acqua di cottura della verza e cuocere per 35 minuti circa salando poco e solo in ultimo.
  4. Tagliare le foglie di verza in grossi quadrettoni e il parmigiano in scaglie spesse, unirli al minestrone di orzo versando anche altra acqua di cottura della verza se necessario e cuocere a calore basso per altri 5 minuti scarsi, distribuire nei piatti e unire un poco di olio a crudo.

Un'interpretazione del classico pesto ligure in cui si è voluto introdurre un forte elemento di salute come i semi di lino che portano in dote notevoli elementi benefici a cominciare dal cospicuo contenuto di omega 3.

Sono sostanze di benessere ad alto valore aggiunto che si sommano a quelle altrettanto notevoli dell’olio extravergine di oliva che allo stesso tempo protegge dall’ossidazione sia i semi di lino che le eccellenti foglie del basilico DOP.

Il gusto riporta al pesto tradizionale pur con un colore più scuro e un aroma lievemente più amaro, ma a nostro giudizio con un profilo nutrizionale notevolmente interessante soprattutto se questo condimento viene utilizzato per accompagnare il pesce.

Ingredienti per circa 4-6 persone in base all’uso finale:

  • 1 mazzo di basilico DOP Genovese Storico,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 1 cucchiaio di pinoli,
  • 1 cucchiaio di semi di lino,
  • 3 cucchiai di parmigiano a media stagionatura,
  • olio ligure o dal fruttato leggero,
  • sale

Preparazione

  1. Mondare le foglie di basilico conservando eventualmente solo i rametti più teneri, immergerle in acqua fredda lasciando depositare sul fondo la terra smuovendole con delicatezza, adagiarne poche per volta in una centrifuga e asciugarle cercando di non rovinarle troppo.
  2. Mettere in un mortaio l’aglio insieme ai pinoli e ai semi di lino macinati al momento (si possono aggiungere anche interi ma si allunga la lavorazione scaldando troppo la pasta e incorrendo in problemi di ossidazione) e iniziare a lavorare con il pestello.
  3. Ottenuta una pasta di base grezza unire prima una parte del formaggio insieme a poco sale e successivamente le foglie di basilico (anche in più riprese) iniziando a pestarle con un dolce movimento rotatorio del pestello sulle pareti riportandosi ogni tanto al centro.
  4. Quando la pasta di base grezza assume un bel colore verde e il basilico ha rilasciato le sue essenze aggiungere il restante formaggio e una volta amalgamato versare a filo l'olio extravergine d'oliva preferibilmente ligure o comunque dal fruttato leggero nella quantità sufficiente a ottenere una crema morbida.
  5. Se non utilizzata subito riporre la crema condente in un vasetto sterilizzato coperto con un filo d’olio e conservarlo in frigorifero per al massimo 5-6 giorni.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cucchiaio di rosmarino fresco tritato,
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato,
  • 1 cucchiaino di buccia di arancio biologico grattugiata,
  • 4 finocchi medi,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 60 g di olive nere taggiasca,
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato,
  • 3 cucchiai di pangrattato possibilmente macinato in giornata,
  • 1 cucchiaino abbondante di caffè in polvere,
  • 4 filetti di branzino da 150 g circa ciascuno,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale,
  • carta da forno

Ultimi articoli

Cucinare e mangiare bene, un aiuto concreto contro i dolori articolari

Cucinare e mangiare bene, un aiuto concr…

11-08-2022 Reumatismi

Oltre al sole dell’estate che se non si eccede p...

Melanzane e alleati vegetali

Melanzane e alleati vegetali

28-07-2022 Mangiare sano

Celebriamo e raccontiamo brevemente in questo arti...

Unioni aromatiche: aglio e prezzemolo

Unioni aromatiche: aglio e prezzemolo

16-07-2022 Alimentazione

All’interno della nostra cucina grazie ai lascit...

Libri in Primo Piano

La cucina a basso indice glicemico

La cucina a basso indice glicemico

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Cosa significa seguir...

Dolci senza glutine

Dolci senza glutine

Aprile 06, 2016

Le guide di Natura e Salute La sorpresa di quanto...

La Cucina Mediterranea delle Verdure

La Cucina Mediterranea delle Verdure

Maggio 02, 2006

Consigli e ricette di uno chef Descrizione: Nuov...

Invito alla Lettura

Prodotti naturali, conoscere per fare

Prodotti naturali, conoscere per fare

17-09-2014 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Mangiare con gusto e far da se.  Un altro ot...

Il cibo per lo sport

Il cibo per lo sport

24-03-2012 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Non si può prescinde...

banner